Maxi voragine larga 100 e profonda 20 metri si forma in un campo coltivato: residenti preoccupati

è profonda 20 metri

Si è formata all’improvviso la dolina apertasi vicino alla città messicana di Puebla. Una voragine enorme e colma d’acqua che ha spaventato i residenti

Stanno facendo il giro dei social le immagini e i video amatoriali di una gigantesca voragine formatasi improvvisamente in un campo coltivato. A segnalarlo sono stati i residenti di Santa Maria Zacatepec, comunità appartenente al comune di Juan C. Bonilla, comune a nord ovest di puebla nel sud est del Messico. L’imponente dolina si è formata dietro allo stabilimento industriale Mercatus che confina anche con le sedi locali di Audi e Volkswagen. L’evento si è verificato nel fine settimana e i residenti hanno chiesto l’immediato intervento della Protezione Civile del Governo di Puebla affinchè la zona venisse messa in sicurezza.

LEGGI ANCHE =>> Si apre un’enorme voragine nel terreno, profonda quasi 15 metri: Cause al momento ignote

Nei filmati amatoriali si può osservare l’immensa voragine apertasi nel bel mezzo di un campo verdeggiante e colma di acqua, con decine di persone che si avvicinano incuriositi per guardarla da vicino; l’acqua ha peraltro contribuito ad ampliare le dimensioni della dolina, facendo crollare altre porzioni delle parenti. Chi abita nella zona ha detto di aver notato alcune anomalie nel terreno quali strane crepe già da settimane. Inoltre chi coltiva la terra nelle vicinanze si è detto molto preoccupato del rischio che possano formarsene altre; come se non bastasse il raccolto è andato perso. Secondo i media locali la voragine ha un diametro di circa 100 metri ed è profonda almeno 20 metri.

Enorme dolina, le possibili cause del fenomeno

La polizia municipale ha cintato l’area per metterla in sicurezza mentre gli uomini della protezione civile hanno sgomberato una vincina casa nel timore che la dolina possa ingrandirsi ulteriormente. Anche il personale del Ministero dell’ambiente e delle risorse naturali (Semarnat) e della Commissione nazionale per le acque (Conagua) è venuto sul sito per ispezionare l’area. Gli abitanti hanno detto ai media locali che c’era un pozzo d’acqua artificiale nell’area in cui si è verificato il crollo e che era coperto di terra. Occorreranno dunque ulteriori ispezioni e analisi per chiarire le cause della formazione di questa maxi voragine.