Lutto nel calcio, muore a soli 20 anni Seid Visin, ex primavera del Milan

Il ragazzo è stato trovato privo di vita all’interno della sua abitazione. Gli inquirenti hanno riferito che si sarebbe trattato di suicidio.

Lutto nel mondo del calcio. Infatti, è scomparso a soli 20 anni Seid Visin, ragazzo proveniente dall’Etiopia e arrivato in Italia all’età di sette anni. Il ragazzo da qualche anno (nel 2017) era tornato a Nocera Inferiore, da quella famiglia che lo aveva adottato con tantissimo amore.

Seid Visin si era ritirato dal calcio dopo le sue esperienze nel settore giovanile del Milan e del Benevento. Non aveva, però, abbandonato la sua passione per il pallone e da qualche periodo giocava con l’Atletico Vitalica, club che milita nel campionato di Serie D di calcio a 5.

Il ragazzo è stato trovato morto nella sua abitazione. Gli inquirenti hanno confermato il suicidio del ragazzo. A scoprire il corpo senza vita del ragazzo sono stati i suoi genitori. I motivi del terribile gesto sarebbero attribuiti a un disagio psicologico, ma sul quale nessuno sa darsi una spiegazione.

Scomparso a soli 20 anni Seid Visin, ex primavera Milan e compagno di Donnarumma

Durante gli anni di permanenza al Milan, Seid Visin condivideva la stanza con il quasi coetaneo Donnarumma, attuale portiere della Nazionale italiana.

L’Atletico Vitalica ha salutato Seid con un post commovente sui canali social della squadra.

Queste le parole del dirigente Antonio Francese: “Il tuo sorriso, il tuo indiscusso talento, la tua naturale e straordinaria predisposizione a dare del tu alla palla restano impressi nella nostra mente. Nel cuore porteremo per sempre la tua discrezione e la refrattarietà a vedere il calcio come fonte di guadagno. Decubertiano nell’animo, hai fatto della partecipazione l’unica vera vittoria ricercata e la compagnia l’unico compenso di cui avevi bisogno. Vai via come sei arrivato: lasciandoci attoniti, senza parole. Sei e resterai nella storia di ciascuno di noi, perché eterni sono i legami di chi vuol bene senza chieder nulla in cambio. La bandiera dell’Atletico Vitalica oggi, più che mai, è ammainata. Lanciamo idealmente un pallone al cielo, se non torna indietro, sappiamo chi ce lo avrà nascosto ancora una volta. A-DIO Seid, talento enorme dal cuore fragile”.