Gli chiede di indossare la mascherina: gli sputa e tossisce in faccia e riceve una condanna esemplare

 

Lo haaggredito un uomo per una mascherina inseguito, malmenato e infine gli ha sputato e tossito in faccia dicendogli “Se ho il Covid lo hai anche tu”. La sentenza nei confronti dell’uomo è durissima

Gli è stato semplicemente chiesto di indossare la mascherina dal momento che si trovava al chiuso in un negozio, intento a fare shopping. Ma la sua reazione è stata inaspettata ed estremamente violenta: prima ha inseguito l’uomo fino nel parcheggio del negozio, poi lo ha spinto e buttato a terra accanendosi su di lui; infine gli ha tossito e sputato in faccia. Un caso agghiacciante quello risalente a novembre 2020 ed il cui epilogo è arrivato nelle ultime ore, dopo che il giudice ha emesso la sentenza.

LEGGI ANCHE =>> La figlia di 2 anni non indossa la mascherina: famiglia con mamma incinta cacciata dal volo

La rabbia del 42enne Shane Wayne Michael, intento a fare shopping in un negozio di occhiali di Des Moines nello stato americano dello Iowa, si è scatenata dopo che un uomo gli ha semplicemente chiesto di tirare su la mascherina. Stando a quanto riportato nel rapporto della polizia, la vittima che lo ha denunciato poco dopo l’aggressione, ha raccontato di essere stata inseguita e picchiata con una brutalità inaudita. Come se non bastasse gli ha abbassato la mascherina e, mentre gli sputava in faccia urlava: “se ce l’ho io (il Covid ndr), ce l’hai anche tu!”.

L’uomo violento ha detto di aver agito per legittime difesa

Nel corso del processo Michael ha dichiarato di aver agito dopo essere stato morso ad un dito e che, dunque, si sarebbe trattata di legittima difesa. Il giudice però non ha voluto sentire ragioni condannandolo a dieci anni di carcere. Si tratta, ad oggi, di una delle sentenze più dure legate agli scontri e contenziosi riguardanti il mancato utilizzo, durante la pandemia di Covid, delle mascherine. Negli Stati Uniti si contano quotidianamente decine di diverbi riguardanti il non utilizzo dei dispositivi di protezione e questo accade un po’ ovunque, dai negozi ai seggi elettorali, dagli aerei alle banche. Comportamenti indisciplinati che spesso si tramutano in atti di violenza verbale o, quando degenerano ulterirmente, fisica. E in alcuni casi si arriva all’arresto.