Neonato abbandonato nel cestino del bagno di un parco pubblico: la polizia cerca la madre

ha abbandonato un bimbo appena nato

Sono già molte le richieste di adozione per un bimbo trovato abbandonato in un cestino dei rifiuti dopo essere stato messo al mondo. La polizia chiede aiuto a eventuali testimoni per identificare la mamma del piccolo

Un neonato è stato trovato abbandonato nel cestino di un bagno in un parco a Lynwood. Le autorità hanno avviato le ricerche di una persona inquadrata dalle telecamere e che potrebbe essere colei che ha abbandonato il bebè, allo scopo di interrogarla. Il ritrovamento è avvenuto pochi giorni fa nel cestino del bagno pubblico delle donne nel Yvonne Burke-John D. Ham Park. Si ritiene che il bimbo, che potrebbe essere ispanico o afroamericano, sia nato proprio in bagno tra il 9 e l’11 giugno. Dopo essere stato rinvenuto, il piccolo è stato curato dai paramedici sul posto prima di essere trasportato in un ospedale locale per ricevere altre cure. Attualmente è ricoverato in condizioni stabili e rimarrà in osservazione in ospedale.

LEGGI ANCHE =>> Marito ubriaco litiga con la moglie e la abbandona in autostrada: Mi ha lasciata qui

Il tenente John Adams del dipartimento speciale dello sceriffo della contea di Los Angeles, Ufficio Vittime, ha affermato nel corso di una conferenza stampa che il processo di adozione del piccolo è a buon punto e che il dipartimento ha ricevuto numerose richieste, anche da parte dello stesso personale dei vigili del fuoco e del personale medico. “I genitori del bimbo devono ancora essere identificati, non posso dire al momento che cosa avrebbe indotto la madre ad abbandonarlo ma immagino che si possa ipotizzare che l’età possa aver avuto un ruolo”, ha sottolineato.

Diffuso un identikit della persona ricercata

Nel frattempo, il dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles ha chiesto aiuto a eventuali testimoni o cittadini per qualsiasi informazione riguardante l’abbandono del neonato. Gli investigatori hanno già ottenuto e visionato il video di sorveglianza e stanno cercando di identificare le persone riprese per capire se alcune di loro possano fornire informazioni utili all’identificazione della madre. Il dipartimento ha rilasciato un rendering fotografico di una persona di sesso femminile. Il LASD ha descritto la persona di interesse come “Donna, ispanica, dalla tarda adolescenza fino ai 20 anni, 5’4”, 120-125 libbre, carnagione scura, capelli mossi”.