Sondaggi politici, Fratelli d’Italia ormai ad un soffio dalla Lega. Risalgono PD e M5S

Il tanto atteso sorpasso non si è ancora consumato, ma ormai Fratelli d’Italia ha messo la freccia. 

L’ultima Supermedia elaborata da YouTrend per AGI conferma l’ascesa del partito sovranista, che ha raccolto l’eredità di Alleanza Nazionale. Fratelli d’Italia riesce infatti a guadagnare un altro mezzo punto rispetto all’ultima rilevazione, portandosi così al 20,1%.

Un risultato che non consente ancora alla forza politica guidata da Giorgia Meloni di scavalcare la Lega di Matteo Salvini, che resta al primo posto. Tuttavia, come osserviamo ormai da diversi mesi, il Carroccio vive una lenta ma graduale discesa che ha di fatto azzerato le distanze con gli alleati di coalizione.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, la Lega sente il fiato sul collo: Fratelli d’Italia è ormai ad un passo

La Supermedia di YouTrend evidenzia che la Lega perde uno 0,5% rispetto al sondaggio precedente e si ferma al 20,5%, mantenendo quindi solo 4 decimi di punto di vantaggio su FdI.

Guadagna quasi mezzo punto anche il Partito Democratico, che viene dato al 19,2% (nella rilevazione di due settimane fa era al 18,8%); risale anche il Movimento 5 Stelle (+ 0,6%), che otterrebbe il 16,7% delle preferenze, sempre stando alla Supermedia.

Anche Forza Italia cresce leggermente rispetto a 14 giorni fa, con un guadagno dello 0,2% che porta il partito di Silvio Berlusconi al 7,6%.

Il centrodestra unito conquisterebbe il 48,2%

Pochi cambiamenti tra i partiti che non raggiungono la soglia del 4%. Azione di Carlo Calenda è data al 3,2%, mentre Italia Viva di Matteo Renzi ha perso quasi mezzo punto e viene rilevata al 2,2%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, Fratelli d’Italia a mezzo punto dalla Lega. Sale il PD, scende il M5S

Un’eventuale coalizione di centrodestra con Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia conquisterebbe il 48,2% delle preferenze, mentre la cosiddetta “alleanza progressista” (ammesso che esista ancora) tra PD, M5S, Art.1 e Sinistra Italiana si fermerebbe al 39,6%.

Tuttavia, un possibile centrosinistra allargato anche a Italia Viva, +Europa, Verdi e Azione raggiungerebbe il 48,3%.