Punto da un calabrone va in shock anafilattico: il medico che lo soccorre ha un infarto

shock anafilattico

Un uomo è andato in shock anafilattico a causa di una puntura di un insetto, è collassato e ha sbattuto la testa. Poco dopo il medico è stato colto da un malore. Ricoverati entrambi

È andato in shock anafilattico pochi minuti dopo essere stato punto da un calabrone e, collassando a terra, ha riportato un trauma cranico. Per questo un 69enne è stato soccorso e trasportato presso l’ospedale Mazzini di Teramo in codice rosso. Non senza un colpo di scena a dir poco drammatico: sul luogo dell’incidente, avvenuto nella frazione Collevecchio di Montorio al Vomano, è intatti arrivato rapidamente, allertato dalla moglie del 69enne, il medico di famiglia per praticare le prime cure cortisoniche al suo paziente. Ma improvvisamente anche il dottore ha rischiato di morire, colpito da un infarto che ha attivato la funzionalità di un defibrillatore corporeo, il quale gli ha permesso di salvarsi.

LEGGI ANCHE =>> Senzatetto scopre insetto verde gigantesco, di che specie animale si tratta? Ora l’uomo sta cercando di scoprirlo

La ricostruzione dei fatti

Secondo quanto ricostruito l’anziano è stato punto da un calabrone mentre era occupato a curare l’orto di casa. La puntura ha scatenato una reazione allergica immediata e molto seria, mandandolo in shock anafilattico. Poco prima di svenire il 69enne è riuscito a rientrare in casa e chiedere aiuto alla moglie, prima di battere il capo contro lo spigolo di una porta. Sul posto sono intervenuti sia la Croce Bianca di Montorio che l’ambulanza medicalizzata del 118 di Teramo. Peraltro non era la prima volta che gli capitava: già in passato l’uomo era andato in shock anafilattico per una puntura d’insetto ma in quel caso era riuscito autonomamente a raggiungere il nosocomio. Questa volta invece non ci sarebbe riuscito: pur riprendendosi dalla reazione allergica ha riportato ferite serie ed è stato ricoverato. Anche il medico è stato trasportato in ospedale in ambulanza in seguito all’infarto. Entrambi sono stati sottoposto a cure specifiche e fortunatamente le loro condizioni si sono stabilizzate.