Olimpiadi di Tokyo, scomparso un sollevatore di pesi ugandese

Julius Ssekitoleko è scomparso dal ritiro pre olimpico della sua nazionale in Giappone. L’atleta non si è presentano ai test quotidiani anti Covid.

Un sollevatore di pesi dell’Uganda, Julius Ssekitoleko (20 anni), non si è presentato ai test quotidiani anti Covid per le Olimpiadi di Tokyo, che inizieranno il 23 luglio prossimo. Dell’atleta non si hanno più notizie.

Un funzionario cittadino della prefettura di Osaka ha cercato di localizzarlo per ricevere il suo campione per il test Covid, ma l’atleta non è stato trovato in albergo. La notizia è stata resa pubblica dalle autorità di Izumisano, la città che ospita la delegazione ugandese.

L’atleta ugandese è stato visto l’ultima volta nel suo albergo intorno alle 12 di ieri da un compagno di squadra.

Olimpiadi di Tokyo, scomparso un sollevatore di pesi di 20 anni dell’Uganda

Secondo il quotidiano ugandese ‘Daily Monitor’, Julius Ssekitoleko era nella lista olimpica, ma recentemente aveva perso la speranza di partecipare ai giochi, a causa delle quote olimpiche. Il ragazzo faceva parte del primo gruppo di nove atleti, allenatori e manager ugandesi arrivati in Giappone a metà giugno e sarebbe dovuto tornare presto nel suo Paese. Due membri non atleti di questo gruppo erano risultati positivi al Covid e tutti hanno subito la quarantena forzata.

Nel paese nipponico gli atleti devono sottostare a dure restrizioni per partecipare alle Olimpiadi che si svolgeranno dal 23 luglio all’8 agosto. La situazione sanitaria in Giappone si sta aggravando e, dunque, gli atleti devono essere testati quotidianamente. Inoltre, i loro movimenti sono ristretti e limitati tra i loro alloggi, i campi di allenamento e le sedi di gara.