Sondaggi politici, Meloni ad un soffio da Salvini. Si avvicina anche il PD, crolla il M5S

salvini sondaggi meloniDopo l’apparente riallungo della Lega della settimana scorsa, Fratelli d’Italia recupera terreno sugli alleati di coalizione e si riporta a soli due decimi di punto. 

E’ quanto emerge dalla Supermedia elaborata da YouTrend per AGI, che evidenzia un divario tra il Carroccio e FdI ridotto ormai ad un misero 0,2%. Stando al sondaggio, infatti, il partito del segretario Matteo Salvini viene dato al 20,4%, mentre la forza sovranista della leader Giorgia Meloni si troverebbe subito dietro, con il 20,2%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, niente sorpasso: la Lega resta prima. Il PD si riavvicina a Fratelli d’Italia

Guadagna qualcosina anche il Partito Democratico, che sale dello 0,2% rispetto alla rilevazione di due settimane fa e si porta al 19,4%. Il PD resta al terzo posto tra le scelte politiche degli italiani ma il suo divario con la Lega si è ormai ridotto ad un solo punto percentuale.

Chi non può proprio sorridere è il Movimento 5 Stelle, che perde addirittura l’1,7% rispetto a 14 giorni fa e precipita al 15%, decisamente distante dai tre partiti politici principali. Probabilmente sta pesando molto lo scontro interno tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo, sebbene la tensione tra i due leader appaia scemata rispetto a qualche giorno fa.

Centrodestra unito al 48,3%, centrosinistra “allargato” al 47,7%

Forza Italia viene data al 7,7%, in aumento dello 0,1% rispetto al sondaggio precedente, mentre tra i partiti minori non si registrano grandi variazioni. Fanno eccezione Sinistra Italiana e Art.1-MDP, che crescono rispettivamente dello 0,2 e dello 0,3%: ora sono entrambi al 2,1%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, Fratelli d’Italia ormai ad un soffio dalla Lega. Risalgono PD e M5S

In caso di ritorno alle urne, il centrodestra unito (Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia) conquisterebbe il 48,3% delle preferenze, mentre l’eventuale coalizione progressista tra PD, M5S, Sinistra Italiana e Art.1-MDP si fermerebbe al 38,6%. Un centrosinistra allargato anche a Italia Viva, Azione, +Europa e Verdi aumenterebbe tuttavia il proprio consenso, conquistando il 47,7%.