Rubano il Rolex a un turista nei Quartieri Spagnoli: ma un ladro commette un grave errore

derubato del rolex

Hanno sottratto un Rolex a un turista per poi darsi alla fuga, ma uno dei due ladri ha perso il telefonino. Un grave errore che ha permesso agli agenti di individuarli e arrestarli

Nella fuga, saltando sullo scooter del complice, ha perso il telefonino. E grazie a questo errore le autorità sono riuscite a risalire all’identità di una coppia di ladri responsabili di un colpo avvenuto ai danni di un turista, aggredito nei vicoli dei Quartieri Spagnoli di Napoli sottraendogli il Rolex. Un colpo che sembrava essere stato
portato a compimento senza intoppi, fino alla caduta a terra del telefonino dal quale i carabinieri sono partiti per portare avanti le indagini, acquisendo anche le immagini
delle telecamere di videosorveglianza che hanno immortalato i due ladri. La vicenda è avvenuta il 2 giugno ai danni di due professionisti dell’Emilia Romagna che poco prima
avevano cenato in un ristorante di via Speranzella in compagnia delle rispettve mogli. Senza accorgersi dei malviventi che monitoravano le loro mosse dopo aver notato l’orologio
al polso di uno degli uomini. A quel punto uno dei malviventi, dopo essere sceso dal motorino si è avvicinato ad un portone nelle vicinanze del gruppo; ed in un istante è passato all’azione, afferrando il baccio dell’uomo e sfilandogli il prezioso orologio. L’altro turista, intervenuto per difendere l’amico, è stato spintonato cadendo a terra e riportando una lussazione, mentre il ladro ha guadagnato la fuga. Ma nel salire sullo scooter, e le telecamere hanno inquadrato tutto, gli è scivolato a terra il telefonino.

LEGGI ANCHE =>> Un uomo le ruba la Mercedes nuova: lei segue il ladro per giorni, lo affronta e se la riprende

Ecco chi sono i due malviventi

Dopo aver individuato il mezzo utilizzato per mettere a segno la rapina, le forze dell’ordine hanno identificato anche i rapinatori, due giovani napoletani condotti nel carcere di Poggioreale al termine delle indagini: si tratta di un 23 e di un 37enne, pregiudicati e gravemente indiziati di rapina e lesioni. Analizzando i sistemi di videosorveglianza della zona e ascoltando diverse testimonianze, gli agenti sono riusciti a individuarli.