Giovane ghanese picchia e violenta la moglie romana di 54 anni: arrestato

Un ragazzo ghanese di 29 anni è stato arrestato per aver violentato fisicamente e psicologicamente la moglie di 25 anni più grande.

Un ragazzo ghanese di 29 anni nel 2018 aveva sposato una donna romana. Un matrimonio che doveva essere felice e ricco di speranze per tutti e due. In realtà si è rivelato un vero e proprio incubo per la donna. Lunedì il ragazzo ghanese, Omar P., è stato arrestato con l’accusa di aver umiliato e violentato in questi tre anni la moglie italiana di 54 anni.

Continue violenze fisiche e psicologiche verso la donna, quindi. Ripetute le invettive del ragazzo contro la moglie: “Sei vecchia, mi devi mantenere. Perché pensi che ti abbia sposato. Sei più anziana di mia madre”.

L’ultima aggressione si è registrata qualche settimana fa sul pianerottolo di casa, a Tor Vergata. In quell’occasione la donna ha riportato la frattura di due costole.

“Sei vecchia, mi devi mantenere”: arrestato ghanese che picchiava e violentava la moglie romana di 25 anni più grande

Per il giovane è scattato l’arresto. Nella misura cautelare, richiesta dal pm Eleonora Fini, ed eseguita l’altra sera dai carabinieri, si contestano vari reati. Essi riguardano i maltrattamenti in famiglia, la violenza sessuale e psicologica, le lesioni aggravate e addirittura l’accesso abusivo a un sistema informatico.

Infatti, per ricattare meglio la consorte, impiegata in un call center, il ragazzo si era impossessato delle password usate da lei per accedere al sistema informatico aziendale. La donna era stata licenziata per le continue intrusioni del marito. Il ghanese pretendeva incredibilmente una paga per il suo ruolo da marito.

Molte volte il ragazzo picchiava la moglie e la obbligava a parlarle da inginocchiata.