Le acque della laguna si tingono di rosa, residenti increduli: gli esperti hanno scoperto il motivo

scoperto il motivo

Particolare fenomeno quello rilevato in una laguna argentina le cui acque si sono tinte di un color rosa brillante. Purtroppo il motivo all’origine del fenomeno è piuttosto grave

Un’intera laguna si è tinta di rosa lasciando increduli i residenti. È accaduto in Argentina dove le acque della laguna di Corfo hanno improvvisamente cambiato colore: il motivo è stato scoperto in tempi rapidi. Infatti lo specchio d’acqua si trova nelle vicinanze di un sito indutriale ubicato nella zona periferica della città di Trelew e vi lavorano moltissimi abitanti della regione, che conta una popolazione di 600mila persone. La causa sarebbe dunque direttamente collegata all’inquinamento proveniente da tali industrie, ed in particolare allo sversamento in acqua di solfito di sodio, una sostanza chimica utilizzata come antibatterico per la conservazione dei gamberi pescati, così da poterli destinare all’esportazione.

LEGGI ANCHE =>> Fratelli di 4 e 8 anni cadono con lo slittino nel lago ghiacciato: salvati da 5 ragazzini

Ambientalisti e residenti preoccupati: “L’acqua emana un odore sgradevole”

Ma stando a quanto stabilito dalla legge, prima di poter scaricare rifiuti dell’industria ittica e relativi alla lavorazione del pesce in laghi o fiumi, essi devono essere accuratamente trattati. Le autorità hanno dunque avviato le indagini accertando lo sversamento, da parte di un camion, di rifiuti non trattati nelle acque di alcuni laghi. “Il colore non provoca danni e scomparirà in pochi giorni”, hanno comunque affermato le autorità ed il capo del controllo ambientale per la provincia di Chubut, Juan Micheloud. Il quale ha anche aggiunto che, nel caso della laguna, sarebbero state le autorità provinciali a concedere alle vicine fabbriche l’autorizzazione a scaricarvi i propri rifiuti. Inevitabilmente si è generata un’ondata di polemiche da parte di ambientalisti e residenti, preoccupati non solo dal colore ma anche dal terribile odore emanato da giorni dall’acqua. “Non è possibile minimizzare una cosa così grave”, ha dichiarato Sebastian de la Vallina, segretario all’urbanistica della città di Trelew.