Predatore sessuale violenta una giovane mentre dorme: quando si sveglia finge di dormire

predatore sessuale

Quando la sua vittima si è svegliata dolorante il predatore sessuale ha fatto finta di dormire ma in realtà l’aveva appena violentata

Ha abusato sessualmente della sua vittima approfittando del fatto che stesse dormendo e, quando lei si è svegliata dolorante e spaventata, ha fatto finta di dormire. Il predatore sessuale e maniaco è un 23enne, Joshua Robson, che ha abusato nell’ottobre del 2018 di una ventenne la quale quando si è resa conto di cosa le avesse fatto ha immediatamente denunciato l’aggressione alla polizia. In questo modo Robson è stato arrestato e incriminato per il grave reatl: il 23enne ha negato ogni accusa ma una giuria della Newcastle Crown Court non ha creduto, prove alla mano, alle sue parole e per questo lo scorso 30 luglio il molestatore è stato dichiarato colpevole di stupro. Il detective Catherine Burns, che ha guidato le indagini per la polizia della Northumbria ha detto che si augura che la condanna di Robson invii un messaggio forte ad altri potenziali delinquenti.

tre ragazzi accusati

LEGGI ANCHE =>> Orribile stupro di gruppo: 18enne e 8 minori violentano una bimba di 10 anni e filmano tutto

Le parole del detective che ha condotto le indagini

“Lodo davvero il coraggio della vittima perché è stata così forte durante questa indagine”, ha detto. “Robson ha approfittato di una situazione per la propria gratificazione sessuale e non ha mostrato alcun rimorso per ciò che ha fatto. Ora affronterà le conseguenze delle sue azioni. Spero che questo mandi un messaggio forte: qualsiasi contatto sessuale non consensuale è un crimine. Nessuno dovrebbe essere sottoposto a qualcosa a cui non acconsente e se sei stato vittima di un tale attacco, ti esorto a venire subito a denunciarlo alla polizia. So – ha concluso il detective – che questa convinzione darà alla vittima un senso di giustizia e spero che possa iniziare a guarire dopo aver sofferto in modo significativo a causa di questo attacco”.