Cade dalla funivia e precipita per 15 metri: la tragica morte di un 32enne – VIDEO

Un uomo di 32 anni è morto dopo una caduta dalla funivia di un Parco Nazionale: la polizia investiga per capire cosa sia successo.

Una giornata di relax e spensieratezza si è tramutata in una terribile tragedia al parco divertimenti Lagoon sito a Farmington, nello Utah (Usa). Sabato pomeriggio un gruppo di turisti si stava godendo il giro sulla funivia che sovrasta il parco nazionale americano e permette a chi lo visita di avere una vista dall’alto di tutte le meraviglie paesaggistiche della zona.

Il giro in funivia viene fato ad andatura controllata, dunque i rischi di partecipare ad un simile giro turistico sono minimi. L’unica problematica potrebbe essere causata da una mancata manutenzione e quindi dalla possibilità che una delle cabine non sia salda. Dunque in questi giorni il parco è stato posto sotto sequestro per permettere alla scientifica di esaminare il macchinario e verificare che non vi sia stato un problema di questo tipo.

Leggi anche ->Maiali che odiano gli uomini: suino gigante divora il padrone, ignote le cause

Uomo di 32 anni cade dalla funivia e muore: ancora non chiara la dinamica dell’accaduto

Secondo quanto emerso dai media americani, durante il giro del primo pomeriggio, mentre la funivia sorvolava il lato nord del parco di divertimenti, un uomo di 32 anni è precipitato da un’altezza di circa 15 metri, schiantandosi sul suolo. L’intervento dei soccorritori è stato immediato, ma i danni causati dal terribile schianto sono stati tali che non hanno potuto fare nulla per salvargli la vita.

Resta da capire come sia caduto il 32enne. Dal parco assicurano che questo è il primo incidente dal 1974, ovvero da quando la funivia è stata fatta partire per la prima volta nella struttura. Inoltre hanno dichiarato che i lavori di manutenzione vengono fatti con regolarità e che l’ultimo risaliva alla mattina precedente all’incidente. Al momento, dunque, vengono tenute aperte tutte le ipotesi.

Leggi anche ->Un caso dopo 6 mesi senza contagi: scatta il lockdown immediato in tutta la Nuova Zelanda

Un portavoce della polizia locale ha dichiarato: “Niente indica che ci sia stato un malfunzionamento”, aggiungendo che non ci sono indicazioni per pensare ad un eventuale suicidio. Dal parco, invece, porgono le proprie condoglianze ai familiari: “Siamo molto addolorati per la persona e la sua famiglia. Siamo inoltre dispiaciuti per il personale e per i presenti che hanno assistito a quanto accaduto”.