Avvistata enorme macchia nera in mare dopo il passaggio di “Ida”: si teme il disastro ambientale

fuoriuscita di petrolio

Immagini aeree scattate nel Golfo del Messico avrebbero localizzato una chiazza nera lunga diversi chilometri, probabile conseguenza del passaggio dell’uragano Ida che ha colpito anche raffinerie e piattaforme petrolifere

Una preoccupante macchia nera sarebbe stata avvistata in queste ore al largo del Golfo del Messico. La segnalazione è arrivata dopo il passaggio dell’uragano Ida e a poca distanza da una piattaforma offshore, un impianto Enterprise Offshore Drilling, come testimoniato dalle immagini aeree raccolte e diffuse dalla National Oceanic and Atmospheric Administration. Secondo quanto è possibile osservare la macchima presumibilmente di petrolio, sarebbe lunga diversi chilometri e potrebbe essere proprio la diretta conseguenza del passaggio dell’uragano sulla cui ‘rotta’ erano presenti anche raffinerie di petrolio, cantieri navali e strutture portuali.

LEGGI ANCHE =>> Attaccato da un alligatore durante l’uragano Ida: gli ha staccato un braccio e lo ha portato via

Colpita anche una raffineria lungo il fiume Mississippi

Da esse sarebbero stati individuati segnali inconfondibili della fuoriuscita di carburante.
Oltre alla piattaforma offhore, la cui azienda che ha sede a Houston non ha ancora diffuso comunicati in merito, le inondazioni provocate dall’uragano avrebbero colpito anche la raffineria Phillips 66 Alliance lungo la riva del fiume Mississippi, a sud di New Orleans. Provocando anche in questo caso fuoriuscite con una chiazza nera visibile sulle acque che finiscono nel fiume.