Siren Festival, la musica è di nuovo protagonista: l’evento di Vasto ha convinto tutti

siren La formula ha funzionato, con l’auspicio che il prossimo anno si possa tornare alla modalità “classica” per godere ancora meglio di uno degli eventi musicali più apprezzati dell’estate. 

Il Siren Festival 2021 ha dovuto necessariamente rispettare tutte le regole anti-Covid, ma si è rivelata comunque una manifestazione capace di attirare un certo numero di persone, anche per la capacità di saper unire la genialità degli artisti e delle loro produzioni musicali all’attenzione nei confronti di temi di grande rilevanza.

Basti pensare che la line-up presentata a Vasto e salita sui palchi del meraviglioso Palazzo d’Avalos e della suggestiva Piazza del Popolo era caratterizzata da una maggioranza di musiciste, in controtendenza con quanto avviene in molti altri eventi. Tra gli argomenti principali del Siren Festival non solo la questione di genere, ma anche la sostenibilità sociale. 

siren festival prima giornata

Venendo alla parte musicale, il riscontro è stato importante in tutte e tre le serate. Nella prima, quella di giovedì 19 agosto, il mix tra musica italiana ed elettronica di Piove ha fatto da apertura all’apprezzata esibizione di Caterina Palazzi “Zaleska”, che ha accompagnato con il contrabasso la visione del capolavoro di Murnau, “Nosferatu il vampiro” (1922).

New Candys, cmqmartina e Margherita Vicario infiammano la seconda giornata

La serata di venerdì 20 agosto è partita con i veneziani New Candys, che hanno subito infiammato la platea di Vasto con un energico dark rock. Subito dopo è stata la volta di cmqmartina, che in molti già avevano avuto modo di conoscere grazie al programma XFactor. Lo scorso anno l’artista aveva pubblicato il suo album “Disco” e c’era una certa curiosità nel poterla ammirare dal vivo.

Curiosità ampiamente soddisfatta, dato che cmqmartina è riuscita a proporre una serie di brani caratterizzati da più generi, passando anche per una particolare versione di uno dei capolavori di Lucio Battisti, “Il Mio canto libero”.

siren giornata due

La serata si era aperta in maniera energica e non poteva che concludersi con lo stesso approccio, grazie alla verve di Margherita Vicario, che ha interpretato soprattutto i brani del suo ultimo lavoro, Bingo, pubblicato il 14 maggio di quest’anno.

Chiusura con Vieri Cervelli Montel, Gold Mass e IOSONOUNCANE

La terza e ultima giornata del Siren Festival ha avuto come primo artista Vieri Cervelli Montel e le sue atmosfere psichedeliche che hanno indubbiamente incuriosito e accattivato il pubblico accorso a Piazza del Popolo. Emanuela Ligarò, meglio conosciuta come Gold Mass, ha invece coinvolto la platea con il suo electro-dark e la capacità di mischiare atmosfere cupe a scenari dove l’elettronica è il tratto distintivo.

Il Siren 2021 si è chiuso con l’esibizione di IOSONOUNCANE, che ha regalato al pubblico scenografie sonore di grande impatto, mescolate a dei coinvolgenti giochi luminosi.

iosonouncane siren giornata tre

Nonostante la pandemia e la necessità di rispettare le regole, il Siren Festival 2021 ha pienamente convinto e Vasto ha risposto al meglio. La strada per l’edizione 2022 è già tracciata.

(foto Siren Festival)