Si ritrova con la gola tagliata mentre carica la barca sul rimorchio: “Stavo per morire in spiaggia”

è quasi morto
Stranissimo incidente quello capitato ad un camionista inglese 62enne a causa della rottura di un anello per caricare la barca sul rimorchio. Si è ritrovato con gravissime ferite a petto e gola

Si trovava in barca con la moglie quando in uno strano incidente ha rischiato di morire. Lo ha raccontato Dave Jackson spiegando che l’anello a D usato per riportare l’imbarcazione sul suo rimorchio si è rotto all’improvviso e l’argano ha iniziato a oscillare verso di lui colpendolo al petto prima di rimbalzare e tagliargli la gola. L’uomo è stato spinto a diversi metri di distanza a causa della violenza del contraccolpo, iniziando poi a sanguinare in modo incontrollabile e faticando a respirare. Fortunatamente quella sera (l’incidente è avvenuto il 22 maggio ma solo in questi giorni il 62enne ha deciso di parlarne), un soccorritore e un medico locale si trovavano sulla spiaggia e si sono precipitati ad aiutare l’uomo, che vive a Salford ed è un camionista. Nel frattempo è stata allertata anche l’autoambulanza della North West, giunta in una manciata di minuti.

LEGGI ANCHE =>> Barca con 4 donne a bordo rischia di precipitare dalla diga: salvataggio in extremis

La gratitudine del 62enne: “Senza di loro non sarei qui”

Al 62enne sono state fornite cure salvavita e sul posto è intervenuta anche l’eliambulanza per trasportarlo in tempi rapidissimi in ospedale dopo averlo stabilizzato e addormentato. Lo hanno ricoverato al Royal Preston Hospital, il principale centro traumatologico del Lancashire dove ha ricevuto ulteriori cure specialistiche per le gravi lesioni riportate a gola e torace. “Anche se non ricordo molto di quando i soccorritori sono arrivati, senza di loro non credo che sarei sopravvissuto”, ha raccontato oggi Dave spiegando che, come emerso in seguito, l’anello a D era stato fatto nel metallo sbagliato e per questo si è rotto. “Sono così grato di essere stato circondato da persone che sapevano cosa fare in una situazione di emergenza come quella. L’incidente è avvenuto 2 giorni prima del mio compleanno e Christine ha detto che se volevo un giro in elicottero come regalo avrei semplicemente dovuto chiederlo”. Da allora il 62enne ha recuperato grazie alla fisioterapia gran parte delle sue funzionalità e sta continuando a recuperare le forze.