Spara al figlio di 3 anni e si suicida: aveva anche una lista dei parenti della moglie da uccidere

si stavano separando

Dopo aver a lungo minacciato la moglie di uccidere lei e i loro figli, un 32enne ha sparato al bimbo di 3 anni prima di togliersi la vita

Un uomo avrebbe stilato una “lista delle uccisioni” dei parenti della sua ex moglie nel bel mezzo di un divorzio, prima di sparare al figlio di 3 anni e poi togliersi la vita. Derek Thabo, 32 anni, avrebbe detto alla moglie Katie dalla quale si stava separando e contro la quale stava affrontando una battaglia per la custodia dei figli, che avrebbe ucciso lei e i bambini, secondo quanto riportato in un ordine di protezione della polizia depositato nel Michigan, Stati Uniti. Secondo i documenti del tribunale, nel corso delle minacce avrebbe detto che avrebbe ucciso i suoi figli per ultimi prima di uccidersi. Thebo e il figlio di 3 anni della coppia, il piccolo Dylan, sono stati trovati morti il 1 settembre dagli ufficiali della contea di Kent che hanno scoperto i loro corpi nella loro casa a Lowell Township.

LEGGI ANCHE =>> Bimbo con la tuta di Hulk aggredito fisicamente e verbalmente da una donna, scattano le indagini

L’uomo è stato descritto come un personaggio alla ‘dottor Jekyll e signor Hyde’ nel ricordare alcuni episodi antecedenti la tragedia. Katie ha ad esempio ricordato un regalo ricevuto nel giorno della festa della mamma, che includeva un messaggio agghiacciante con scritto “sarà l’ultimo”. Thebo, agente di correzione, sarebbe stato licenziato nel 2019 e avrebbe anche negato i messaggi e le minacce prima della sua morte affermando che non c’era niente che amasse più di suo figlio.

Raccolte oltre 26mila sterline per la famiglia

La mamma di Dylan ha ora lanciato una pagina GoFundMe per raccogliere fondi per coprire i costi del funerale di suo figlio. Gli ha reso omaggio sulla pagina della raccolta fondi e lo ha descritto come “un bambino fantastico che era pieno di energia, che amava stare con la famiglia e gli amici e portava sempre un sorriso sul viso di tutti”. “Dylan amava i Paw Patrol, gli escavatori, le auto e i camion, e cantare e ballare. Soprattutto Dylan amava sua madre e la sua sorella maggiore. Siamo tutti assolutamente devastati e non ci sono parole per descrivere quanto Dylan mancherà a tutti coloro che lo hanno conosciuto”. La donna ha spiegato che si era da poco diplomata alla scuola per infermiere e che quindi non aveva un’assicurazione sulla vita per Dylan al momento della sua inaspettata scomparsa. Finora sono state raccolte oltre 26mila sterline.