Orco picchia, taglia e minaccia la fidanzata per mesi: “Le ha strappato i punti e il piercing a morsi”

le ha provocato molte ferite

Pugni, calci, morsi e tagli ma non solo. È durato quasi due anni l’orrore vissuto da una 21enne, aggredita quotidianamente dal fidanzato che a più riprese l’ha mandata in ospedale

Ha aggredito la sua fidanzata procurandole tagli e strappandole il piercing o dei punti con i denti, con attacchi perpetrati quasi quotidianamente e retroscena a dir poco agghiaccianti. Per tale ragione un ‘orco’ è stato condannato e incarcerato per quattro anni, dopo che le indagini hanno portato alla luce una serie di sconvolgenti abusi domestici commessi da Euan Walker nei confronti di Antonia Gillespie. Come riferito dall’Hamilton Sheriff Court il ragazzo l’avrebbe presa ripetutamente presa a calci e pugni, ma l’avrebbe anche morsa, soffocata e tagliata con diversi oggetti, arrivando perfino a tenerle la testa sott’acqua mentre lei stava facendo il bagno o a spingere la sua testa nelle feci di cane. Un calvario quello vissuto dalla 21enne che, dopo la sentenza ha detto: “Non ha vinto, io sono una sopravvissuta. Non una vittima”.

LEGGI ANCHE =>> Il figlio piccolo subiva abusi e violenze in casa e lei lo ignorava: condannata madre che pensava solo al sesso

In diverse occasioni ha anche minacciato di ucciderla

Walker, 27 anni, ha ammesso di aver a più riprese aggredito Antonia dichiarandosi colpevole di numerose aggressioni commesse tra maggio 2019 e luglio 2020. Gli attacchi sono avvenuti a Hamilton e a Uddingston, nel Lancarshire, ma anche nella casa delle vacanze dei genitori di Walker a Portpatrick, nel Wigtownshire. “Atti orribili e ripetuti di grave violenza, mancato controllo del comportamento e numerosi reati collaterali che hanno danneggiato degradato e umiliato questa donna. È chiaro che rappresenti un pericolo per il pubblico”. La principale accusatrice, Jennifer Cunningham, ha affermato che Walker e Antonia hanno avuto una relazione turbolenta durata 19 mesi. Nel 2019 era stato arrestato per una prima aggressione ma in seguito sono tornati insieme. Antonia è finita in ospedale diverse volte e gli infermieri hanno sospettato che fosse una vittima di abusi domestici. Le violenze erano talmente angoscianti che una volta il cane, terrorizzato, ha defecato sul pavimento del soggiorno e a quel punto Walker ha spinto la faccia della ragazza negli escrementi, poi l’ha avvicinata a uno specchio dicendole: “Guarda in che stato sei”. Le vennero messe dei punti alla mano dopo che la colpì con dei vetri rotti: il giorno dopo Walker l’ha aggredita di nuovo strappandole i punti con i denti. In diverse occasioni le ha anche puntato un coltello alla gola minacciando di ucciderla.