Sondaggi politici, Fratelli d’Italia cala ma resta primo partito. Leggerissimo aumento per PD e M5S

sondaggi fratelli d'italia lega pdDopo una crescita costante negli ultimi mesi, Fratelli d’Italia deve fare i conti con un calo di quasi mezzo punto. 

La cavalcata di questo 2021, che ha permesso al partito guidato da Giorgia Meloni di issarsi al primo posto tra le preferenze politiche degli italiani, sembra essersi arrestata. Rispetto alla rilevazione di una settimana fa, infatti, FdI perde lo 0,4% e scende dal 20,7% al 20,3%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, vola Fratelli d’Italia: Lega e PD arrancano. Risale leggermente il M5S

Una perdita che comunque non toglie il primato alla forza sovranista, anche se il divario con gli alleati di coalizione della Lega si riduce. Il Carroccio resta sempre al 19,8%, esattamente come una settimana fa, e torna quindi a mezzo punto da Fratelli d’Italia.

Sale un po’ anche il Partito Democratico, che guadagna due decimi di punto e torna sopra la soglia del 19%: ora i “Dem” sono al 19,1%. Leggerissima crescita anche per il Movimento 5 Stelle, che in una settimana guadagna uno 0,1% e si porta al 16,3%.

Rispetto alla Supermedia di YouTrend di sette giorni fa aumenta di pochissimo anche Forza Italia, che viene data al 7,5% (+0,1%).

Il centrodestra unito al 47,6%, il centrosinistra “allargato” al 48,4%

Tra i partiti minori si registra una perdita dello 0,3% da parte di Azione di Carlo Calenda, mentre Italia Viva di Matteo Renzi guadagna tre decimi di punto: ora la distanza tra le due forze politiche è dello 0,8% (3,3% Azione, 2,5% Italia Viva).

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, Fratelli d’Italia saldamente in testa. PD più vicino alla Lega, risale il M5S

Ma cosa succederebbe in caso di ritorno alle urne? Lo scenario ad oggi non è nemmeno contemplato (siamo in pieno semestre bianco, ndr), ma balza all’occhio come la coalizione di centrodestra composta da Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia sia in grado di conquistare il 47,6% delle preferenze.

L’alleanza progressista tra PD, M5S, Sinistra Italiana e Art.1-MDP si fermerebbe al 39,2%, ma in caso di centrosinistra allargato anche a forze come Italia Viva, Azione, +Europa e Verdi il consenso salirebbe fino al 48,4%.