Inception è realtà: scienziati riescono a comunicare in tempo reale con le persone nei loro sogni

 

i dettagli dello studio

Un team di scienziati è riuscito a sviluppare delle comunicazioni in real team con un gruppo di persone che stavano sognando e si trovavano in fase REM. I dettagli

Sembra una notizia da film di fantascienza quella che fa riferimento ad uno studio condotto da un team internazionale di scienziati che sono riusciti a ‘mettersi in contatto’ con delle persone che dormivano e stavano sognando, sviluppando con essi comunicazioni in tempo reali mentre si trovavano in piena fase REM. Nella fattispecie i partecipanti sono riusciti a rispondere, pur trovandosi nella fase nota come Rapid Eye Movement, a rispondere ad una serie di quesiti, alcuni dei quali legati a semplici problemi matematici.

LEGGI ANCHE =>> Misteriosi vortici catturati dai satelliti: gli scienziati spiegano l’origine dello strano fenomeno

Per arrivare a questo risultato e dimostrare il fenomeno noto come sogno interattivo, relativo cioè alla comunicazione con i sognatori, sono stati applicati vicino ad occhi, mento e sul cuoio capelluto, degli elettrodi che hanno consentito agli scienziati di capire quando i partecipanti allo studio stavano entrando nella fase REM; il tutto misurando sia l’attività delle onde cerebrali che i movimenti del bulbo oculare, determinando così in quale fase del sonno si trovassero. A quel punto sono ‘entrati in contatto’ con i soggetti chiedendo solo conferma del fatto che stessero sognando, rispondendo con un movimento oculare prestabilito prima di addormentarsi. Una vera e propria comunicazione con persone che sperimentando sogni lucidi si stavano rendendo conto del fatto che stessero sognando riuscendo in tale stato a condurre delle azioni.

Gli scienziati puntano alla comunicazione bidirezionale con sognatori lucidi

In 36 hanno partecipato allo studio, dormendo in laboratori ubicati in Germania, Paesi Bassi, Francia e Stati uniti. Sono state condotte diverse sessioni utilizzando come espressioni di comunicazione anche i gesti del viso, come risposta a domande di vario tipo. Tra cui anche richieste di compiere operazioni matematiche quali addizioni o sottrazioni. I risultati soddisfacenti hanno spinto il team a proseguire negli esperimenti cercando, proprio come accade in film quali Inception di Christopher Noland, di provare le possibilità di comunicazione bidirezionale con i sognatori lucidi.