La notte diventa giorno a Civitavecchia, l’impressionante fenomeno in un video: ecco cosa è successo

cielo notturno illuminato

Il cielo si è rischiarato a giorno a Civitavecchia durante l’ultima ondata di maltempo: tutto a causa di fili dell’alta tensione caduti a terra

La notte è diventata giorno per almeno una decina di minuti. È accaduto a Civitavecchia colpita, nelle scorse ore, da una forte ondata di maltempo che ha investito gran parte del Lazio e che nella città sulla costa ha provocato un fenomeno visibile da decine di chilometri e allo stesso tempo piuttosto pericoloso. Il fronte temporalesco che poco prima aveva interessato la Liguria, si è in seguito spinto sulle regioni centrali dell’Italia portando con sè pioggia forte e migliaia di fulmini, scariche elettriche che hanno addirittura spaventato i residenti di Roma e provincia per la loro intensità ma anche per la durata prolungata. Oltre ai fulmini, a Civitavecchia il cielo notturno è stato illuminato anche da un altro fenomeno: la città ha dovuto fare i conti con il maltempo per oltre 4 ore e a causa dei violenti fenomeno meteo sono crollati i cavi dell’alta tensione nella zona nord della città, ovvero tra la Borgata Arelia e la Braccianese Claudia.

LEGGI ANCHE =>> Fulmine colpisce un lampione della luce 12 volte in 10 secondi: l’incredibile video è virale

Come testimoniato in un video il cielo si è letteralmente rischiarato a giorno assumendo colorazioni decisamente inconsuete che andavano dal blu al giallo passando per il verde. Ciò che ha lasciato a bocca aperta i residenti è stata però la luminosità intensa tanto che nonostante fosse ormai sera inoltrata sembrava di essere in pieno giorno. Un’impressione questa avuta anche a diversi chilometri di distanza.

Le cause dell’inquietante fenomeno

Tutto a causa dei cavi della corrente elettrica tranciati che hanno prodotto un bagliole fortissimo che, per almeno una decina di minuti, ha illuminato l’intera zona. Il video diffuso da Trc giornale ne è la chiara testimonianza ed è divenuto virale proprio per la particolarità del fenomeno. I vigili del fuoco ed i tecnici sono dunque dovuti intervenire, passata l’ondata di maltempo, per ripristinare la situazione.