Tossicodipendente in auto si lancia più volte contro le vetrate di una gelateria: la polizia diffonde lo spaventoso video

danni per migliaia di dollari

Un uomo alla guida di una Kia è andato a collidere più volte contro un edificio che ospita anche una gelateria provocando danni per migliaia di dollari, poi ha cercato di fuggire.

La polizia ha diffuso un video che mostra la scellerata azione di un uomo alla guida di un suv sotto effetto di droghe il quale oltre ad aver provocato danni gravi avrebbe potuto mettere a repentaglio la vita di eventuali passanti. È accaduto nello stato di Victoria, Australia: le forze dell’ordine sono intervenute in centro per un incidente provocato da un automobilista che, senza coinvolgere altri veicoli, è andato a schiantarsi con la sua auto, una Kia, contro una vetrina della gelateria Marble Slab, che si trova al piano terra del Bay Centre, il complesso commerciale ubicato nel centro cittadino. Le telecamere di sorveglianza, le cui immagini sono in seguito state acquisite dalla polizia come prove, hanno ripreso l’intera scena: La Kia Soul argentata va a colpire un bidone della spazzatura di metallo che vola direttamente contro una vetrata del locale infrangendola e poco dopo è l’intera parte frontale del veicolo a finire contro altri vetri. Ma non è finita perchè l’uomo alla guida fa retromarcia e, pochi istanti dopo, si lancia nuovamente a tutta velocità contro la facciata dell’edificio, a destra della gelateria.

LEGGI ANCHE =>> Serata con gli amici finisce in tragedia: 19enne espulsa dal veicolo dopo lo schianto, è morta

Gli agenti hanno usato un taser per fermarlo

Quando la polizia è arrivata sul posto ha trovato un sospetto tossicodipendente alla guida: il ragazzo ha cercato di scappare e alla fine le forze dell’ordine hanno dovuto usare un taser per immobilizzarlo. Gli agenti avrebbero cercato di sottoporlo sul posto a un test di sobrietà ma l’uomo ha detto loro che era ferito, per questo è stato portato in ospedale e curato per lesioni non gravi. La polizia ha chiesto a chiunque abbia visto qualcosa di contattare il dipartimento, nel frattempo l’indagine prosegue.