Perde il controllo dello scooter e si schianta contro un palo: muore marito e padre di due figli

marito e padre di 2 figli

Incidente dalla dinamica tutta da chiarire quello avvenuto a Como, costato la vita ad un uomo deceduto in ospedale dopo essere stato rianimato sul posto. È stato sbalzato dallo scooter cadendo rovinosamente a terra

Uno schianto violentissimo contro un palo della luce è costato la vita ad un marito e padre di due figli di 56 anni. La vittima, L.G.B. è deceduto presso l’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia: qui è stato portato dai soccorritori della provincia di Como ed in codice rosso dopo l’incidente nel quale è rimasto coinvolto poche decine di minuti prima. Al suo arrivo nel nosocomio le sue condizioni erano disperate ed i medici non hanno potuto fare niente per salvarlo: già dopo lo schianto i paramedici lo hanno trovato in arresto cardio-circolatorio ma con grande professionalità sono riusciti a rianimarlo; purtroppo però il suo corpo non ha retto, nonostante i molteplici tentativi dei medici di tenerlo in vita ed il 56enne è morto nella notte tra martedì e mercoledì. Stando alla ricostruzione dei fatti l’uomo stava viaggiando nel quartiere Rebbio di Como quando, giunto in via Varesina a bordo del suo maxi scooter, avrebbe improvvisamente perso il controllo del mezzo: scagliato in aria, è caduto rovinosamente sull’asfalto urtando con violenza un cordolo in cemento ed infine un palo, per poi perdere i sensi.

LEGGI ANCHE =>> 21enne appassionato di corse paralizzato dal petto in giù dopo un gravissimo incidente in moto

Le ipotesi al vaglio delle forze dell’ordine

Le indagini dei carabinieri sono in corso per accertare le esatte cause dell’incidente e la sua dinamica: tra le ipotesi vi è la possibilità che il 56enne abbia improvvisamente sbandato per evitare un’auto che, non rispettando una precedenza, si stava immettendo sulla strada. Ma tutte le possibilità restano aperte e al vaglio delle forze dell’ordine che al momento non riescono a capire per quale ragione ed in maniera del tutto improvvisa il motociclista abbia perso il controllo dello scooter. Originario di Olgiate Comasco, lavorava in un centro per attività sportive a Como. Coordinati dal pubblico ministero di turno, il sostituto procuratore Maria Vittoria Isella, gli agenti della polizia locale stanno approfondendo il caso.