Decapita un uomo in mezzo alla strada e mostra la testa ai passanti: “Ha abusato di mia mamma e mia sorella”

ucciso in pieno giorno

Un uomo è stato arrestato dopo il folle gesto avvenuto in una città egiziana: usando una lama simile ad un machete ha decapitato un passante aggirandosi tra la gente con la sua testa tra le mani

“Ha abusato di mia madre”. Per questa ragione un uomo ha prima decapitato una persona nel bel mezzo di una strada affollata, per poi mostrare alle persone che passavano la testa mozzata della vittima. Sono agghiaccianti i particolari della vicenda avvenuta nella città egiziana di Ismalia dove, come riportato da ArabNEWS, l’uomo ha iniziato ad aggirarsi tra i passanti impugnando una lama piuttosto lunga descritta da molti come simile ad un machete. Identificato con il nome di Abdul Rahman, ad un certo punto l’uomo si è avvicinato alla vittima decapitandolo e alcuni passanti hanno anche documentato l’episodio in alcuni video amatoriali raccapriccianti, molto simili da un film dell’orrore.

LEGGI ANCHE =>> Il mistero della capre decapitate galleggianti nel fiume: è un rito voodoo?

Alcuni passanti hanno filmato il raccapricciante gesto

Poco dopo aver compiuto il folle gesto la polizia lo ha fermato portandolo in prigione dove dovrà restare, in custodia cautelare, per una decina di giorni come stabilito dall’autorità giudiziaria locale. Dopo l’atroce delitto avvenuto il 1 novembre, i media locali hanno indagato sull’assassino scoprendo che in passato aveva lavorato in un negozio di mobili che, come accertato, apparteneva al fratello della persona da lui uccisa. Inoltre agli agenti avrebbe spiegato di aver agito per vendetta, dato che la vittima avrebbe a suo dire molestato sessualmente sia la madre che la sorella. Lui in quel periodo si trovava in un centro di recupero. La storia andrà però verificata nel dettaglio dal momento che Rahman è conosciuto per essere un tossicodipendente e per avere disturbi mentali.