Problemi di “aria” per Biden durante il Cop26: Camilla non parla d’altro (ma il tema importante è un altro)

I tabloid inglesi hanno rilanciato la notizia di alcuni problemi di aria nella pancia per l’attuale presidente americano Biden. Sul clima: “Decennio decisivo; assenza di Russia e Cina un errore”.

Secondo il tabloid britannico ‘Daily Mail’, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, si sarebbe reso protagonista di uno spiacevole episodio pubblico. Durante il recente Cop26 di Glasgow, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, Biden avrebbe avuto problemi di aria nella pancia, non facendo proprio una bella figura davanti agli altri ‘grandi’ della Terra.

Indiscrezioni vogliono che Camilla Parker Bowles, presente di persona alla Conferenza, non faccia altro che parlare di questo momento imbarazzante che ha interessato Biden. In quel momento, oltre a Camilla erano presenti solo il compagno principe Carlo e il primo ministro inglese Boris Johnson.

Una ‘figuraccia’ contenuta, quindi, ma queste indiscrezioni stanno espandendo lo spiacevole episodio, anche perché i tabloid – sempre molto attenti a parlare di dettagli più o meno pruderecci – hanno sottolineato come la succitata emissione d’aria dallo stomaco sia stata “lunga e rumorosa” (sic).

Scherzandoci su, possiamo dire che fortunatamente come non c’era la Regina (che con il suo canonico humor, chissà come l’avrebbe presa).

LEGGI ANCHE => Regina Elisabetta a riposo forzato: chi prende il suo posto per gli impegni ufficiali?

Biden e i problemi di aria nella pancia. Ma il problema è il clima: “Decennio decisivo, assenza di Cina e Russia un grande errore”

Tornando a parlare di cose maggiormente serie, Biden ha commentato in modo molto grave l’assenza di Cina e Russia da questa Conferenza sul clima: “Penso che sia stato un grande errore per la Cina non presentarsi alla Cop26 e al G20. Stessa cosa vale per la Russia”

Inoltre, Biden ha aggiunto: “Faremo quello che è necessario o faremo soffrire le future generazioni? Questo è il decennio decisivo sul clima, e la finestra si sta chiudendo rapidamente. Glasgow deve dare il calcio di inizio al cambiamento”.