Porta una donna in hotel per offrirle un lavoro ma la stupra e la picchia con brutalità: potrebbe perdere la vista

abusi in hotel

Un uomo ha violentato una 28enne in una camera d’albergo senza che nessuno nella struttura intervenisse. Poi l’ha imprigionata e si è dato alla fuga, sbarrando l’ingresso dell’hotel

Una donna di 28 anni è stata aggredita e violentata all’interno di un hotel, provocandole lesioni molto gravi tanto che potrebbe addirittura perdere la vista. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, un uomo sarebbe entrato nell’hotel Dwarka, a Nuova Delhi, immobilizzando una donna che aveva portato lì con il pretesto di offrirle un lavoro. E tenendola prigioniera in una stanza d’albergo nella quale si sarebbero consumati gli abusi e le violenze; l’incidente è avvenuto sabato e la polizia ha dovuto sfondare la porta a vetri posta all’ingresso della struttura per soccorrere la donna che era stata rinchiusa nella stanza dal suo aguzzino, prima che questi fuggisse: gli agenti hanno confermato che la vittima ha subito lesioni al viso e che a seguito dell’aggressione potrebbe anche perdere la vista. Il direttore dell’hotel è stato arrestato per aver facilitato il crimine e per non aver tratto in salvo la donna nonostante avesse sentito distintamente le sue grida di aiuto provenienti dal balcone della stanza nella quale era rinchiusa.

LEGGI ANCHE =>> 13enne adesca una bimba di 6 anni, la stupra due volte e la uccide di botte: non andrà in prigione

“Il proprietario e gli altri membri dello staff sono irreperibili. Le nostre squadre stanno indagando per catturare loro e il principale sospettato, identificato come Ankit Sehrawat”, ha detto un alto ufficiale di polizia. Il vice commissario di polizia (Dwarka) Shankar Choudhary ha dichiarato che sabato la stazione di polizia di Dwarka South ha ricevuto una chiamata da una donna che affermava di aver subito lesioni agli occhi dopo essere stata aggredita da un uomo. La vittima ha spiegato che si trovava in un hotel, raggiunto dalla polizia che ha trovato l’ingresso principale chiuso a chiave e incatenato dall’interno mentre la donna gridava dal balcone al secondo piano. Dato che nessuno ha risposto, gli agenti hanno rotto con una pietra la porta di vetro, per salvarla: la vittima è stata ricoverata e
le sue dichiarazioni sono state messe a verbale.

Il drammatico racconto della donna violentata

Nella denuncia la donna ha affermato che Sehrawat l’aveva contattata con il pretesto di fornirle un lavoro. Lo ha incontrato intorno alle 20:00 di sabato, dopodiché l’ha portata all’hotel nel settore 9 di Dwarka in bicicletta. “Inizialmente si è rifiutata di entrare nell’hotel, ma Sehrawat le ha assicurato che conosceva tutti. Sehrawat l’ha portata in una stanza e l’ha costretta a bere alcolici. Ha violentato la donna e ha anche provato a strangolarla. Quando ha resistito, le ha ferito il viso e l’occhio colpendola con un braccialetto di ferro che indossava. L’ha chiusa dentro la stanza ed è fuggito dalla porta sul retro dopo aver notato la presenza della polizia all’ingresso principale”, ha detto un ufficiale, citando la dichiarazione della donna.