Seminterrato invaso da 92 serpenti a sonagli, 4 ore per catturarli tutti: “Mai visto niente di simile”

invasione in un seminterratoUna donna ha scoperto decine di serpenti a sonagli nel seminterrato di casa. L’esperto intervenuto per portarli via ha spiegato di non aver mai visto niente di simile in 32 anni

Scoperta raccapricciante quella fatta da una donna nel seminterrato della propria casa. Una vera e propria invasione di serpenti a sonagli che, trovato quel rifugio, hanno iniziato a stazionarci aumentando ben presto di numero; quando la donna se n’è accorta ha immediatamente contattato l’esperto di rettili e direttore del Sonoma Country Reptile Rescue Al Wolf, il quale, come riportato dal Guardian, ha detto di non aver mai visto una situazione del genere. E portarli fuori tutti non è stato per nulla facile: ci sono volute quattro ore, per raccogliere, utilizzando un bastone da 60 centimetri, 22 serpenti adulti e 59 cuccioli la prima volta e altri 11 rettili durante un secondo intervento. Wolf ha spiegato che il seminterrato era stracolmo di ragnatele, puzza e sporcizia: “C’erano anche un gatto e un opossum morti“, ha aggiunto spiegando che mai, in 32 anni di lavoro, si era trovato davanti uno scenario più simile a quello di un film che alla realtà.

LEGGI ANCHE =>> Bimba va in bagno ma un serpente nascosto nel water la morde: la piccola è morta

Un bastone da 60 cm, 2 secchi e 4 ore per prenderli tutti

La vicenda arriva da Santa Rosa, in California, ed è stato lo stesso esperto a raccontare tutto sui social mostrando anche alcune immagini da brividi: “Ho continuato a trovare serpenti per circa 4 ore“, ha raccontato Wolf, che per raccogliere i serpenti, dopo aver indossato tutte le precauzioni del caso, ha utilizzato due secchi e poi, strisciando sulle mani, li ha raggiunti e prelevati poco alla volta. “Stavano andando in letargo – ha spiegato – evidentemente lì hanno trovato un posto fantastico per loro perché le rocce li proteggono. E anche la casa aiuta a proteggerli dall’umidità durante l’inverno, dunque era un doppio isolamento per loro”. L’esperto ha detto che si trattava di una razza autoctona di serpenti a sonagli e che ora rilascerà tutti i rettili in natura ma lontano dalle persone; in alternativa potrebbe anche rilasciarli, su esplicita richiesta degli allevatori, sui terreni privati perchè utili per il controllo dei parassiti.