Sondaggi politici, il PD torna primo: non accadeva da anni. Scendono Lega e FdI, risale il M5S

PD lega m5s fdi sondaggiDopo tantissimo tempo (dal 2017, ndr), il Partito Democratico torna ad essere il primo partito nei sondaggi politici. 

Stando all’ultima Supermedia elaborata da YouTrend per AGI, infatti, il PD guarderebbe tutti dall’alto in basso con il 20,3% dei voti, ottenendo uno 0,4% in più rispetto alla rilevazione di due settimane fa.

Una crescita che permetterebbe ai “Dem” di scavalcare Fratelli d’Italia, ferma al 19,6%. Il partito di destra guidato da Giorgia Meloni era riuscito a conquistare la leadership dopo mesi di rincorsa agli alleati della Lega.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, il PD ad un passo da Fratelli d’Italia. Cala ancora la Lega

Un primato durato poco, dato che la Supermedia riporta una perdita di mezzo punto rispetto a 14 giorni fa e il conseguente scivolamento al secondo posto nelle preferenze politiche degli italiani.

Non va meglio nemmeno al Carroccio, che indietreggia di un decimo di punto e non va oltre il 18,6%, rimanendo così ad un punto di distanza da FdI e quasi 2 punti dal PD.

Cresce, invece, il Movimento 5 Stelle che viene dato al 16,4% (in aumento dello 0,3% rispetto a 14 giorni fa).

Centrodestra al 45,6%, il centrosinistra “largo” al 48%

Invariato il risultato di Forza Italia, che viene data sempre al 7,4%. Poche variazioni tra i partiti minori, fatta eccezione per Azione di Carlo Calenda, che cresce dello 0,3% e si attesta al 3,8%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, il PD scavalca la Lega ed è secondo. Meloni sempre in testa

In caso di ritorno al voto, l’eventuale centrodestra unito (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia) conquisterebbe il 45,6% dei voti. Gli avversari – ovvero una coalizione che comprende il Partito Democratico, il M5S, Articolo 1 e Sinistra Italiana – raggiungerebbero il 40,8% delle preferenze: tuttavia, con il supporto di altre forze politiche dell’area di centrosinistra (Verdi, +Europa, Azione) si arriverebbe al 48%.

Ad oggi è difficile capire l’orientamento di Matteo Renzi (Italia Viva, data al 2,6%), che starebbe pensando ad una forza di centro con (pezzi di) Forza Italia.