Possibile battaglia legale fra la Royal Family e Netflix: ecco il motivo

Guerra aperta fra la Royal Family e Netflix. Il motivo? In ‘The Crown 5’ sarebbero stati svelati particolari scottanti sulla morte di Lady Diana.

Si dovrà aspettare il 2022 per vedere su Netflix i nuovi episodi di ‘The Crown 5’, la serie televisiva incentrata sulla vita di Elisabetta II e sulla Royal Family. Ma la quinta stagione è già entrata nell’occhio del ciclone. Infatti, la famiglia reale britannica sarebbe intenzionata a far causa a Netflix. Il motivo? La nuova stagione racconterà di Lady Diana e della sua morte. Sarebbero stati rivelati particolari che, secondo alcune fonti, avrebbero infastidito notevolmente la Royal Family.

Durante la quinta stagione verrà riproposta anche l’intervista che Lady Diana aveva rilasciato alla BBC nel 1995. Questa intervista aveva già indispettito la famiglia reale all’epoca della messa in onda. Nella serie televisiva Lady D sarà interpretata da Elizabeth Debicki.

LEGGI ANCHE => L’intervista a Diana fu ottenuta con l’inganno? Il fratello di Lady D: “Il giornalista fu disonesto”

Guerra aperta fra la Royal Family e Netflix. La quinta stagione di ‘The Crown’ non va a genio alla famiglia reale britannica

La Royal Family, quindi, starebbe addirittura pensando di portare in tribunale e di citare in giudizio Netflix, per tutto ciò che ha scelto di svelare nella prossima stagione della serie televisiva ‘The Crown’. Per il ‘Daily Mail’, lo staff della Royal Family avrebbe già preso contatti con lo studio legale Farrer & Co and Harbottle & Lewis.

Secondo la Royal Family, nella serie televisiva sarebbero presenti illazioni e bugie sugli atteggiamenti della regina Elisabetta e degli altri membri della famiglia in relazione alla morte di Lady Diana.

Probabilmente la questione terminerà con un disclaimer che Netflix dovrà inserire prima dell’inizio di ogni episodio, dettaglio già chiesto a gran voce dalla Royal Family per la quarta stagione. Questo escamotage informerà gli utenti che i fatti narrati, pur se ispirati a vicende realmente accadute, saranno raccontati a puro scopo di spettacolo. E che, dunque, sarà gran parte falso ciò che si vedrà.