Sondaggi politici, il PD conferma il primato e “stacca” Lega e FdI. Il M5S sempre quarto

sondaggi politiciIl Partito Democratico resta primo partito e allarga il distacco da Lega e Fratelli d’Italia.

L’ultima Supermedia elaborata da YouTrend per AGI mette in evidenza lo stato di salute del PD, che guadagna altri due decimi di punto e si porta al 20,3%. Ora il vantaggio nei confronti di Fratelli d’Italia è aumentato di oltre mezzo punto ed è vicino al punto.

Il partito della destra sovranista guidato da Giorgia Meloni perde infatti lo 0,4% rispetto al sondaggio di 14 giorni fa: FdI viene data al 19,5%, al secondo posto tra le preferenze politiche degli italiani.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, il PD torna primo: non accadeva da anni. Scendono Lega e FdI, risale il M5S

Scende ancora la Lega, in calo ormai da molto tempo. La forza politica del segretario Matteo Salvini è al 18,6%, un risultato inferiore rispetto al 18,9% del sondaggio di due settimane fa.

La Lega è quindi terza, a circa un punto dagli alleati di coalizione e poco meno di due punti dal PD. Il Carroccio resta comunque terzo, con un vantaggio rassicurante nei confronti del Movimento 5 Stelle, che pure cresce di due decimi di punto (dal 16% al 16,2%).

Il centrosinistra “allargato” sarebbe davanti al centrodestra (ma occhio a Renzi)

Leggero aumento anche per Forza Italia, che passa dal 7,3% dello scorso sondaggio al 7,5% attuale. Tra i partiti minori, invariato il risultato di Azione di Carlo Calenda, che viene data sempre al 3,6%, mentre guadagna qualcosina Italia Viva, al 2,5% secondo la Supermedia di YouTrend.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, il PD ad un passo da Fratelli d’Italia. Cala ancora la Lega

In caso di ritorno al voto, il centrodestra unito (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia) conquisterebbe il 45,6% delle preferenze. L’alleanza progressista tra il Partito Democratico, il M5S, Sinistra Italiana e Art.1-MDP si fermerebbe al 40,4%, ma in caso di centrosinistra “allargato” anche ad altre forze (Verdi, +Europa, Azione) si arriverebbe al 47,7%.

Ad oggi è difficile dare una collocazione ad Italia Viva di Matteo Renzi, che potrebbe fungere da ago della bilancia.