Colpito da un infarto fulminante mentre rincasa: l’Arma dei Carabinieri piange la morte di un vice brigadiere

morto a 54 anni

L’Arma dei Carabinieri è stata colpita da un nuovo lutto. È venuto a mancare un vice brigadiere 54enne nato a Villa Rosa di Martinsicuro, in provincia di Teramo

Era un militare molto conosciuto e fortemente stimato nella zona di Alba Adriatica dove operava in qualità di responsabile informatico di compagnia. E la sua scomparsa improvvisa ha sconvolto molti, tra colleghi, conoscenti e semplici cittadini, increduli dopo la notizia del suo decesso. Si tratta del vice brigadiere Paqualino Palazzese, nato a Villa Rosa di Martinsicuro, in provincia di Teramo, e scomparso a soli 54 anni a causa di un malore che non gli ha lasciato scampo; un infarto fulminante secondo quanto accertato dai medici, che lo ha colpito poche ore dopo aver smontato dal lavoro, una volta terminato il suo ultimo servizio.

 

I familiari si sono preoccupati non vedendolo rientrare

Stando alla ricostruzione dei fatti venerdì, dopo aver trascorso il pomeriggio in vari impegni personali, l’agente ha fatto ritorno presso la sua abitazione a Villa rosa. Ha parcheggiato ma, poco prima di rincasare, l’infarto lo ha colpito provocandogli un fortissimo dolore al cuore che lo ha fatto accasciare a terra dove, pochi istanti dopo, è venuto a mancare. I familiari non vedendolo rientrare si sono insospettiti e preoccupati anche perchè avevano visto poco prima l’auto parcheggiata. Quando sono usciti di casa lo hanno trovato esanime sulla strada e hanno immediatamente chiamato i soccorsi. I paramedici sono intervenuti in un lampo ma per il 54enne non c’è stato nulla da fare. Sono stati i medici a stabilire le cause del decesso di Palazzese che, come sottolineato dai parenti, non aveva mai sofferto di problemi al cuore nè aveva patologie cardiache di alcun tipo.

LEGGI ANCHE =>> Sottoposto all’obbligo di firma insulta i carabinieri davanti alla caserma e posta il video sui social

Sconvolti i colleghi di lavoro che lo hanno ricordato come un militare molto rispettoso e diligente sul lavoro. Il 54enne aveva lavorato a Foggia ed in seguito alla stazione di Mereto prima di arrivare alla Compagnia di Alba Adriatica. Oltre alla moglie Miranda lascia i due figli Mattia ed Alessia. I funerali si sono svolti nel pomeriggio di domenica, nella chiesa di San Gabriele a Villa Rosa.