Scoperto un furbetto della patente: lui si spinge l’auricolare dentro l’orecchio e finisce al Pronto Soccorso

scoperto dopo l esame

Un ragazzo ha cercato di nascondere un auricolare nell’orecchio quando è stato scoperto durante un test della patente. Ma il dispositivo si è incastrato e si è reso necessario l’intervento di un otorinolaringoiatra

Per cercare di superare l’esame teorico per il conseguimento della patente ha pensato bene di portare con sè un micro auricolare mediante il quale ottenere di nascosto le risposte giuste alle domande proposte nel test. Ma il furbetto della patente, un 19enne indiano che vive a Verona, non l’ha fatta franca: il personale della Motorizzazione lo ha scoperto e con l’aiuto della Polizia Locale bloccato poco dopo che questi aveva superato l’esame. Gli agenti gli hanno trovato addosso un cellulare ed un ripetitore di segnale, oltre ad una telecamera e al micro auricolare: un sistame progettato con accuratezza per ricevere tutte le risposte ai quiz. Ma quando si è visto mettere alle strette il giovane ha infilato l’auricolare in profondità nell’orecchio facendolo finire nella cavità interna, da dove non è più riuscito a rimuoverlo. E così è finito al Pronto Soccorso, dove un otorinolaringoiatra è dovuto intervenire per recuperarlo.

LEGGI ANCHE =>> La bravata di un 18enne senza patente: ruba l’auto dei genitori e finisce su una pista da sci

La Polizia: “Esiste un mercato per ottere illegalmente la patente”

Chiaramente ci sono state delle conseguenze: per i reati di truffa e falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di titolo di guida il 19enne è stato segnalato alla Procura della Repubblica. La Polizia locale ha anche rilasciato una nota per spiegare che questo caso, come altri scoperti in precedenza, sono la dimostrazione del fatto “che esiste un vero e proprio mercato con organizzazioni che forniscono strumenti e aiuti a persone straniere, disposte a pagare dai 500 ai 1000 euro ad esame per ottenere illegalmente la patente di guida”.