Pedone investito da un’auto mentre cammina su un marciapiede: dopo 6 anni risarcito con 2 milioni

risarcimento record

Risarcimento record per un uomo investito da un’auto salita su un marciapiede nei pressi dell’Hougang Stadium. A causa di quel sinistro ha dovuto abbandonare la scuola

Avrebbe dovuto iniziare un corso di diploma in ingegneria informatica ma la vita di un uomo è stata completamente sconvolta da un incidente che lo ha visto coinvolto mentre stava camminando sul marciapiede fuori dall’Hougang Stadium a Singapore. Muammad Adam Muhammad Lee si trovava su Hougang Avenue 2 quando un veicolo è finito sul marciapiede investendolo in pieno: i fatti risalgono al 2015 quando Adam aveva 24 anni e riportò una moltitudine di lesioni gravi e permanenti diventando anche mentalmente inabile. Nel 2017 e nel 2020 ha provato a riprendere gli studi ma non è stato in grado di farcela trovandosi costretto ad abbandonare la scuola. Dopo un lungo periodo di attesa lo scorso 24 novembre l’Alta Corte gli ha assegnato oltre 2 milioni di risarcimento danni, epilogo di una causa intentata dalla madre e dalla sorella maggiore per suo conto contro l’autista del veicolo, Sean Tay Jia Rong. Gli assicuratori dell’uomo avevano accettato il 100% di responsabilità per l’incidente ma hanno contestato numerose categorie di richieste di risarcimento.

LEGGI ANCHE =>> Licenziata dopo la gravidanza ottiene maxi risarcimento: Per lo stress ho smesso di produrre latte per mio figlio

Il premio include 1 milione per la perdita di guadagni futuri, 216mila dollari per la lesione cerebrale traumatica subita, 370.800 per le spese di una futura collaboratrice domestica a tempo pieno e 10mila dollari per la perdita delle prospettive di matrimonio. Ma non solo: anche 237.448 per spese mediche, 21.739 per una badante e 1.219 per le tasse universitarie perse. A causa del sinistro avvenuto il 3 aprile Adam ha subito fratture multiple del cranio, emorragie cerebrali, fratture facciali e una frattura alla gamba e ha subito numerose procedure durante la sua degenza in ospedale di circa 4 mesi e mezzo. Tutti i rapporti dei medici sono stati presentati in tribunale.

Le parole del giudice durante la sentenza

“Adam ha mostrato una tenacia notevole e lodevole nel riprendersi da alcune delle sue gravissime ferite e nel tentativo di tornare alla sua vita pre-incidente. È mia fervida speranza che Adam non permetterà che questo incidente e i suoi effetti, debilitanti e duraturi vadano a rovinare il resto della sua vita”, ha detto il giudice.