Lo sviluppo tecnologico e l’automazione navale

La tecnologia, è un dato di fatto, ha radicalmente modificato il modus vivendi generale.

Sembra quasi un lontano ricordo quando l’utilizzo del pc, della connessione Internet e dei robot erano soltanto per una ristretta cerchia di imprenditori.

Ad oggi, invece, la situazione è radicalmente mutata. La tecnologia è parte integrante della quotidianità, sempre presente e sempre pronta a fornire le risposte ad esigenze ancor prima che le stesse nascano.

Nell’ottica di sviluppo ed evoluzione sono numerosi i siti e – commerce che sono nati per favorire l’acquisto e la commercializzazione di prodotti oltre il ristretto ambito geografico di produzione.

È il caso, appunto, del sito https://moxadistryshop.com/, ove sono presentati ai futuri acquirenti i prodotti di ultima generazione nel campo dell’automazione industriale, ferroviaria e navale.

Tra i prodotti indispensabili per automatizzare i processi produttivi vi sono, per citarne qualcuno:

  • Controller: costruiti con una tecnologia push per facilitare le risposte I/O, pur garantendo un’accurata raccolta dati;
  • Convertitori: affidabili ed utilizzabili anche in ambienti complessi, consentono conversioni da Ethernet a fibra ottica, da seriale a fibra ottica e molto altro;
  • Gateway di protocollo: non solo consentono connessioni multiple, ma possono essere utilizzati per effettuare conversioni tra vari protocolli come Modbus TCP ed Ethernet/IP.

Cosa si intende con il termine automazione?

Per automazione si intende l’insieme delle tecnologie e dei sistemi di controllo per la navigazione (e per gli altri settori interessati) e la gestione del comfort e della sicurezza delle imbarcazioni.

Un’altra definizione del termine, in senso più ampio, rimanda ad un impiego finalizzato all’identificazione dei passaggi necessari per garantire il funzionamento di una macchina, oppure di un processo, in modo automatico, quindi, senza alcun intervento da parte dell’essere umano.

Questo aspetto rimanda al motivo che ha favorito la nascita di questo sistema, ossia allo scopo principale di sostituire l’uomo nella attività produttive più pericolose, nocive e ripetitive.

Infatti, l’uomo è sostituito dalle macchine che, previa impostazione, svolgono il compito affidato loro automaticamente ed autonomamente.

Quali sono i vantaggi dell’automazione?

L’automazione aziendale, industriale, ferroviaria o navale, presente degli importanti e notevoli vantaggi.

In primis, si riducono notevolmente i tempi del ciclo lavorativo e produttivo. Una macchina, infatti, può operare a velocità sostenute senza alcuna pausa; aspetto, questo, che per un essere umano è impensabile perché sarebbe fisicamente impossibile e, inoltre, costituirebbe un grave pericolo per lo stato di salute.

Le macchine possono, in realtà, produrre molte più unità in tempi molto brevi. Cosa significa questo per l’azienda? Maggiori guadagni in minor tempo e, anche, minori costi di produzione.

Un altro aspetto è legato alla riduzione degli sprechi. I robot sono, per natura, molto più precisi dell’uomo. Ciò consente di sfruttare al massimo le materie prime, riducendo gli eventuali errori e gli sprechi di materiale. Tutto ciò, inevitabilmente, pone l’attenzione su un altro punto: minor sprechi significa minor produzione di rifiuti.

Come già scritto, i robot e le macchine devono sostituire la mano d’opera dell’essere umano in situazioni ed in fasi lavorative in cui la sicurezza non raggiunge alti livelli.  In questo caso, l’essere umano è impiegato per supervisionare l’attività del robot, ma non rischia incidenti nel corso delle fasi di produzione. Inoltre, in questo modo l’essere umano può essere impiagato come risorsa per attività più importanti all’interno dell’azienda.