Scoperta una misteriosa mummia “senza volto”: è in posizione fetale e con il corpo legato da corde

è un mistero

Lascia senza parole la scoperta recentemente fatta dagli archeologi in Perù dove è venuta alla luce una mummia ‘senza volto’ risalente ad almeno 800 anni fa. Di chi si tratta?

Tutto il mondo scientifico sta parlando, nelle ultime ore, di una delle scoperte più misteriose ed inquietanti degli ultimi tempi. È accaduto a circa 26 km dalla capitale del Perù, Lima, dove è venuta alla luce una mummia ‘senza volto’, come è stata soprannominata dagli archeologi che l’hanno rintracciata. Il ritrovamento è avvenuto in una tomba scavata a Cajamarquilla, in un sito archeologico sulla costa dell’oceano Pacifico: ciò che ha lasciato sorpresi gli esperti, oltre al perfetto stato di conservazione, è la posizione fetale del corpo ed il fatto che sia stato interamente legato da corde, che sembrano quasi tessere una rete, mentre le mani della persona, non è chiaro al momento se si tratti di una donna o di un uomo, ne coprono il viso. I primi dati indicano che si tratterebbe di una persona deceduta oltre 800 anni fa e si tratterebbe di una straordinaria testimonianza di una civiltà precolombiana che si andò a svilupparsi tra la costa e le montagne del paese, prima dell’ascesa dell’Impero Inca nel XV secolo.

LEGGI ANCHE =>> Un suono proveniente dall’Antico Egitto. Riprodotta la voce di una mummia di 3000 anni fa.

Le prime parole degli esperti sulla misteriosa scoperta

A fare l’eccezionale ritrovamento è stato un team di archeologi della Universidad Nacional Mayor de San Marcos che da tempo lavorano sul sito, esteso su 167 ettari, occupandosi degli scavi. Stando alle prime ipotesi la posizione del corpo e delle mani e la rilegatura molto elaborata potrebbero essere ricondotti ad un rito funerario. Il professor Van Dalen Luna, ha spiegato che questo individuo avrebbe vissuto nell’alta regione andina di quello che è oggi il Perù, circa 600-200 anni prima dell’ascesa del popolo Inca. Mentre Van Dalen Luna dell’università di San Marcos che ha coordinato gli archeologi autori della scoperta, ha aggiunto: “La caratteristica principale di questa mummia è che l’intero corpo è legato con delle corde e ha le mani che coprono il volto, che sarebbe parte di un rituale funebre. Ora l’esame al radiocarbonio darà indicazioni più precise sull’età della mummia”. All’interno della tomba sono stati trovati anche diversi manufatti in ceramica, resti di vegetali e attrezzi in pietra. Gli archeologi ritengono che la regione avesse, data la natura della sepoltura, un carattere multietnico nel tardo periodo preispanico.