Il racconto della mamma di Valeria Marini: “Sulla mia sessualità…”

Gianna Orrù ha raccontato la truffa subita da parte di un uomo. Alla donna sono stati sottratti 335mila euro. Il truffatore sarà processato solo nel 2023.

La madre di Valeria Marini, l’ottantunenne Gianna Orrù, è stata vittima di una truffa da parte di un uomo, che nel 2018 le ha sottratto 335mila euro. La persona incriminata è il produttore cinematografico Giuseppe Milazzo. L’uomo verrà processato, però, solo nel 2023.

La mamma della Marini è stata ospite di ‘Storie Italiane’ e ha raccontato la sua versione dei fatti.

Queste le sue parole: “Quando il truffatore è stato intervistato da Le Iene per cercare di giustificarsi ha detto che lui in realtà non mi ha contattato per un investimento economico ma che io mi ero innamorata di lui e che volevo una storia di sesso con lui. Ha poi affermato che aveva delle foto mie in cui ero nuda, tutte falsità. Quando le Iene sono venute da me io sono stata molto turbata da queste parole e ho risposto così senza pensarci di sì, ma ho chiesto subito dei soldi”.

Il mea culpa di Gianna Orrù: “Non sono una sprovveduta, per questo mi definisco una ‘polla’ ad aver creduto a tutto ciò”

Gianna Orrù ha continuato: “Quest’uomo è venuto in ufficio per delle cose che riguardavano Valeria. Poi un giorno mi disse che doveva andare a Civitavecchia per vedere se era riuscito a fare dei soldi con degli investimenti di un suo amico. In questo modo mi ha incuriosita e mi ha adescata iniziando a parlare di investimenti per un totale di 335 mila euro. Io non sono una sprovveduta, per questo mi definisco una ‘polla’ ad aver creduto a tutto ciò, perché lavoro da anni, ho tre figli, so come funziona il mondo, ma queste persone ti mettono delle cose nella testa e ti convincono. Quando ho capito l’ho denunciato subito”.

Dopo la denuncia, sono stati chiusi i conti correnti del truffatore. Essi, però, erano stati già svuotati. Il processo ci sarà solo nel 2023. L’uomo non è stato arrestato, dal momento che non ha intestato alcunché.