Sondaggi politici, davanti c’è sempre il PD: Meloni e Salvini inseguono, male il M5S

sondaggi politici I tre partiti più importanti guadagnano tutti qualcosa rispetto a due settimane fa, ma al primo posto troviamo ancora il Partito Democratico. 

Stando alla Supermedia elaborata da YouTrend per AGI, il PD sale di tre decimi di punto rispetto alla precedente rilevazione, portandosi al 20,6%. I “Dem” mantengono così il primato tra le preferenze politiche degli italiani, con quasi un punto di vantaggio su Fratelli d’Italia e poco meno di due punti sulla Lega.

Il partito di Giorgia Meloni guadagna uno 0,2%, ma il 19,7% evidenziato nel sondaggio non è sufficiente a consentire alla forza politica sovranista di insidiare il PD. Dopo diverso tempo torna a salire anche la Lega, che cresce di due decimi di punto: il Carroccio viene dato al 18,8%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, PD sempre in testa. Meloni seconda, il M5S perde oltre mezzo punto

Non va altrettanto bene per il Movimento 5 Stelle, che cala invece di mezzo punto rispetto alla Supermedia di 14 giorni fa: i pentastellati passano infatti dal 16,2% al 15,7%.

Variazione minima per Forza Italia, che passa dal 7,5% di due settimane fa al 7,6% di oggi, mentre Azione di Carlo Calenda perde due decimi di punto e viene data al 3,4% dalla Supermedia di YouTrend.

Con Verdi, Azione e +Europa centrosinistra davanti al centrodestra

Pochissimi cambiamenti per i partiti sotto il 3%, con la sola Italia Viva ad attestarsi sopra il 2,5%: la forza politica guidata da Matteo Renzi è infatti data al 2,6%.

LEGGI ANCHE => Sondaggi politici, il PD conferma il primato e “stacca” Lega e FdI. Il M5S sempre quarto

In caso di ritorno al voto (per gli esponenti politici sarebbero sempre più probabili le urne nel 2022, ndr), il centrodestra unito – Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia – raggiungerebbe il 46,1%, mentre l’eventuale accordo “progressista” tra Movimento 5 Stelle, PD, Sinistra Italiana e Art.1-MDP consentirebbe alla coalizione di ottenere il 40,1% delle preferenze.

Tuttavia, con l’ausilio di forze come Azione, Verdi e +Europa (difficile oggi collocare Italia Viva), il centrosinistra volerebbe al 47,3%.