Porsche Cayenne in fuga sulle strade di Riga: il pericoloso inseguimento ad alta tensione diventa virale

pericoloso inseguimento

Inseguimento ad alta tensione, prima in auto e poi a piedi, quello avvenuto nelle scorse ore sulla strade di Riga. Una Porsche Cayenne ha cercato di seminare diverse pattuglie della polizia

Stavano facendo un giro di pattuglia di Mezaparks, quartiere del distretto settentrionale di Liga, capitale della Lettonia, quando si sono imbattuti in un’auto che li ha insospettiti. È iniziato così il lungo inseguimento degli agenti della Traffic Police battalion of the Riga Regional Police Directorate (RRUP) di una Porsche Cayenne priva di targa al cui conducente avevano chiesto di fermarsi per i controlli, dal momento che aveva anche superato il limite di velocità di 39 km/h. L’autista ha però ignorato le ripetute richieste della polizia di accostare e, anzi, ha tentato di fuggire dando gas e allontanandosi. Le immagini sono ad alta tensione, riprese dalla dashcam di una delle pattuglie che hanno dato il via ad un lungo e non facile inseguimento tra le vie cittadine. Nel filmato, divenuto virale, si vedono diverse auto della polizia intervenire da varie dimensioni mentre la Porsche, zigzagando nel traffico e cambiando spesso corsia, riesce per diverso tempo ad evitare di essere fermato, mettendo però a rischio l’incolumità di decine di automobilisti.

LEGGI ANCHE =>> Disastroso inseguimento dopo un furto d;auto: il suv sbanda, impatta con altre auto e si ribalta

Inseguimento anche a piedi

L’inseguimento non si conclude in auto: ad un certo punto la Cayenne si ferma e ne esce un uomo che tenta di darsi alla fuga a piedi. Diversi agenti cercano di prenderlo e alcuni di loro cadono a terra: anche in questo caso le immagini sono realizzate ‘in prima persona’ poichè arrivano dalla bodycam di uno dei poliziotti; lo si vede cascare in terra prima di rialzarsi e raggiungere il fuggitivo, già fermato da un collega, mettendo così fine alla sua fuga. L’inseguimento ha avuto pesanti conseguenze per l’uomo: sono ben otto i procedimenti amministrativi ed uno quello penale a suo carico.