Quattro bimbi morti in un incendio in casa, ma è mistero: squadra omicidi al lavoro

tragedia in una casa

La squadra omicidi ha avviato le indagini su un caso al momento misterioso: quattro bambini sono stati trovati morti in una casa in fiamme nel sud di Londra

Non si può ancora parlare con certezza di fatalità o tragedia e infatti la squadra omicidi londinese sta ancora indagando per cercare di capire se, dietro la morte di quattro bambini, due coppie di gemelli, trovati privi di conoscenza in una casa nella periferia cittadina, vi sia la mano di un’altra persona. La tragica scoperta è avvenuta nella serata di giovedì quando è divampato un incendio in un’abitazione ubicata a Sutton, area periferica di Londra: le fiamme si sono rapidamente diffuse all’intero pian terreno quando i vigili del fuoco sono intervenuti in forze sul luogo del rogo. Almeno 60 uomini, arrivati con 8 mezzi, hanno dovuto lavorare duramente per decine di minuti.

LEGGI ANCHE =>> Fa la pipì a letto e la coperta termica va in cortocircuito: tremende ustioni per un bimbo di un anno

“I miei pensieri vanno ai familiari e amici dei bambini”

Il responsabile dei vigili del fuoco della capitale britannica Andy Roe ha confermato che quando i soccorritori sono riusciti, dopo aver circoscritto le fiamme e messo l’area in sicurezza, ad entrare nell’abitazione, hanno trovato quattro piccoli che non davano segni di vita. I paramedici hanno tentato tutto il possibile per rianimarli ma poco dopo il loro arrivo in ospedale sono stati dichiarati morti. Si ritiene che appartengano tutti al medesimo nucleo familiare ma non è chiaro se in quel momento nella casa fosse presente o meno un adulto. Le origini del rogo e della conseguente sciagura restano ignote e per questo gli investigatori della squadra omicidi della polizia londinese hanno avviato un’indagine che prevederà interrogatori e la visione di immagini delle videocamere della zona, per capire cosa effettivamente abbia scatenato il devastante rogo. “I miei pensieri – ha dichiarato Roe – vanno ai familiari e amici dei bambini e all’intera comunità”.