Spara all’amico durante una battuta di caccia: gli aveva ucciso il cane per errore

arresto

Un uomo di 30 anni ha per sbaglio colpito il segugio di un cacciatore con il quale si trovava e lui, per vendetta, lo ha colpito a una gamba con un fucile a pallini

Assurda ‘vendetta’ tra cacciatori durante una battuta di caccia nel parco nazionale del Circeo. Un 30enne ed un 60enne si trovavano insieme nell’area in provincia di Latina quando, per errore, il primo avrebbe colpito il segugio del secondo cacciatore, scambiandolo per un cinghiale. Purtroppo il colpo esploso dal 30enne si è rivelato fatale per il cane, morto praticamente sul colpo a causa della grave ferita riportata. Questo ha scatenato l’ira dell’altro cacciatore, proprietario dell’animale, il quale ha deciso di vendicarsi puntando un fucile contro il 30enne e colpendolo ad una gamba con i pallini.

positivo gira per il paese

LEGGI ANCHE =>> Cacciatore di lepri spara e colpisce involontariamente un papà e un bimbo di quattro mesi

I carabinieri hanno arrestato il cacciatore

Sono dunque stati allertati i soccorsi, non è chiaro se proprio dall’autore del folle gesto, e sul posto è intervenuta un’ambulanza per trasportare urgentemente il ragazzo in ospedale dove i medici lo hanno ricoverato subito per poi operarlo. Non si troverebbe in gravi condizioni. Nel frattempo sul posto sono intervenuti anche i carabinieri che hanno tratto in arresto l’uomo che ha sparato e che ora dovranno lavorare per ricostruire l’accaduto minuziosamente.