Chi sarà il Presidente della Repubblica? Sentite Umberto Bossi

Umberto Bossi e la sua previsione sulla corsa al Quirinale: “Giorgetti?, Berlusconi? No no, dovrebbe farcela Casini”.

Nel corso della messa di Natale delle 19 a San Vittore a Buguggiate, in provincia di Varese, era presente Umberto Bossi. Qui, il ‘Senatur’ è stato raggiunto dalla ‘Stampa’. Bossi ha lanciato diverse profezie e previsioni a chi si informava sulla corsa al Quirinale e sulla situazione della Lega.

Per Bossi, la corsa al Quirinale non sarà vinta né da Silvio Berlusconi, né da Mario Draghi o Giorgetti. Queste le sue parole: “Volete sapere come andrà a finire? Dovrebbe farcela Casini”.

Sull’ipotesi Berlusconi: “Ricordiamoci sempre che il Presidente della Repubblica è anche il capo dei magistrati. E i magistrati sappiamo che rapporto hanno con Berlusconi”. Su Giorgetti, invece: “Non è proprio il tipo. Non è uno che vuole mettersi in vista”.

La profezia di Bossi sulla corsa al Quirinale: “Dovrebbe farcela Casini”

A prescindere dalla previsione di Bossi, sembrano davvero salire le quotazioni di Pier Ferdinando Casini per la corsa al Quirinale. Fino a qualche settimana l’ipotesi che Casini potesse diventare Presidente della Repubblica era considerata poco credibile, ma ora il suo nome ha iniziato a rimbalzare su più fronti.

Bossi su Draghi: “Sta governando abbastanza bene ma se davvero vuole arrivare al Colle deve stare attento soprattutto alla sinistra. A sceglierlo come presidente del Consiglio è stato anche Berlusconi che ha preferito lui, un banchiere centrale, a un banchiere d’affari. Magari la sinistra all’ultimo lo taglia”.

Fuori dalla chiesa i suoi fedelissimi si sono lamentati con lui (usando molte parole in dialetto) sull’attuale gestione della Lega: “Hanno abolito le sezioni e hanno fatto un grande casino e basta. Chi parla più di federalismo? Salvini premier? Ma premier de cus’ è?”.

Bossi si è presentato alla messa seduto sulla sedia a rotelle. Sulle sue condizioni di salute: “Sto così così. Da quindici giorni il mal di schiena non mi dà tregua”.