Scoperto un maxi arsenale con fucili, mitraglie, bombe a mano e plastico in una villa in centro

decine di armi

Pistole, fucili, mitraglie e bombe a mano. Facevano parte di un vero e proprio arsenale scoperto dagli agenti della sezione criminalità organizzata della squadra mobile di Latina e del commissariato di Fondi in un’abitazione

Sette persone risultano indagate dopo il ritrovamento di un pericolosissimo arsenale composto da centinaia tra armi e proiettili, ma anche sostanze stupefacenti e detonatori, all’interno di una villa nel comune di Fondi, in provincia di Latina. La scoperta è stata messa a segno dagli uomini della sezione criminalità organizzata della squadra mobile di Latina e del commissariato di Fondi in collaborazione con la squadra mobile di Frosinone e del nucleo investigativo dei carabinieri di Latina e ha portato all’arresto di sette persone. Nella casa sita nel centro storico del paese c’erano infatti una mitraglietta e tre fucili ma anche due pistole, quindici chili di plastico, innumerevoli proiettili; e ancora molti chili di droga, quattordici detonatori e ben due bombe a mano. Le persone tratte in arresto, tutte con precedenti, risiedono tra Fondi e Latina.

LEGGI ANCHE =>> Trovati i cadaveri di due adulti e tre bambini in una casa: uccisi da colpi di pistola e armi da taglio

Dove erano nascoste le armi

Le numerose armi erano state accuratamente nascoste nel doppio fondo del portabagagli di un furgone. Gli agenti hanno notato gli indagtati trasportare nei pressi della villa, alcuni borsoni sospetti estratti da un furgone e da alcune auto. Scortati da altre vetture, si sono poi messi in marcia, portando le forze dell’ordine ad organizzare il fermo con successivo controllo dei veicoli. E così gli agenti hanno rinvenuto la prima parte dell’arsenale, 15 kg di marijuana e 60 kg di hashish oltre ad armi e munizioni. Nel furgone erano presenti anche le bombe a mano, in seguito disinnescate dagli artificieri della polizia. La banda criminale è stata probabilmente sgominata anche se non è al momento chiaro se possano esserci altri complici oltre alle sette persone arrestate, portate in commissariato per le formalità di rito ed ora a disposizione dell’autorità giudiziaria di Latina.