Il reattore nucleare più potente d’Europa è entrato in funzione: al 100% della potenza entro giugno

in finlandia

A gennaio arriverà al 30% della potenza, che crescerà progressivamente fino al prossimo giugno: è il nuovo reattore nucleare che dopo anni di attesa è stato avviato in Finlandia

“Un momento che sarà ricordato per sempre”. Lo ha sottolineato il vicepresidente senior per la produzione di energia elettrica Marjo Mustonen nell’annunciare l’entrata in funzione di quello che è di fatto il reattore nucleare più potente d’Europa. Ci troviamo in Finlandia e, a 15 anni dall’ultima accensione di un reattore in tutti gli stati europei, Okliluoto 3 è stato avviato lo scorso 21 dicembre alle 3.22 e per il Paese ha rappresentato un momento storico dal momento che qui l’ultima centrale nucleare era stata commissionata oltre 40 anni fa. OL3 andrà a coprire un fabbisogno energetico pari al 14% dell’intera elettricità del paese non appena sarà entrato a regime.

LEGGI ANCHE =>> Sottomarino nucleare della Royal Navy sfiora un traghetto: disastro marittimo scampato

Come funziona il reattore nucleare finlandese

Il momento verrà ricordato, ha detto Mustonen “come dimostrazione del lavoro persistente per la messa in servizio della nostra nuova unità di impianto. Riflette una forte professionalità nucleare e la volontà di trasformare in realtà il più grande atto della Finlandia per il clima”. Jouni Silvennoinen, direttore del progetto OL3 ha aggiunto: “Un punto culminante meraviglioso del progetto è stato completato insieme al fornitore dell’impianto. Qualcosa di ancora meglio è in serbo a gennaio, quando OL3 sarà connesso alla rete nazionale, ovvero inizierà la produzione di energia elettrica“. Il reattore infatti non sta ancora producendo la massima potenza: raggiungerà il 25%, pari a circa 300-400 MW entro la fine di gennaio, verrà poi aumentato gradualmente il livello di potenza con test di messa in servizio al raggiungimento di ogni livello. A giugno avrà inizio la normale produzione di elettrcità. Sorgenti di neutroni primarie, collocate in tre gruppi di combustibile, sono necessarie per avviare il reattore, dopo aver iniziato la scissione nei nuclei atomici, dando origine ad una reazione a catena che lo mantiene in funzione.