Trova una valigia del vicino di casa morto in solitudine: la apre e fa una scoperta eccezionale

piena di foto

“È stato come entrare in un museo”. Lo ha detto Ollie, un uomo che ha salvato una valigia colma di foto da un capannone scoprendo che appartenevano al defunto vicino, morto in solitudine. E ha fatto un’impensabile scoperta

È un vero e proprio tesoro quello in cui si è imbattuto l’inglese Ollie Catherall di Liverpool: una valigia colma di fotografie nella quale si è imbattuto mentre venivano realizzati alcuni lavori nella casa del suo defunto vicino Evan Thomas. Di fatto Ollie ha salvato la valigia da un capannone rimanendo senza parole quando l’ha aperta: “È stato come entrare in un piccolo museo, non potevo crederci”, ha raccontato alla BBC aggiungendo che ora è intenzionato a trovare la famiglia del suo proprietario. Evan è morto nel 2020 in solitudine e all’apparenza poteva sembrare un uomo che pensava prevalentemente a sè stesso ma le immagini mostrano una storia decisamente diversa, un’altra faccia della sua vita fatta di amore e altruismo: “Amava la sua famiglia”, ha spiegato Ollie, “lo confermano queste foto”.

LEGGI ANCHE =>> Uno strano oggetto a forma di cubo sulla Luna: la foto è misteriosa, di cosa si tratta?

Il signor Catherall ha affermato che la storia familiare del suo ex vicino era “molto misteriosa”. Il 31enne si è trasferito a Queensdale Road a Mossley Hill con la sua compagna nel febbraio 2020. Ha spiegato di aver parlato con il signor Thomas, che pensava avesse una settantina di anni, un paio di volte ma nelle settimane successive un’ambulanza è arrivata a casa del vicino. “Credo abbia avuto una brutta caduta ed in seguito è morto in ospedale”. Un mese dopo i costruttori che stavano sgombrando la casa gli dissero che il suo vicino era morto “senza amici o una famiglia al suo fianco”. “Quando ho visto la valigia scartata la curiosità ha avuto la meglio su di me e l’ho portata a casa. All’interno c’era un tesoro, decine di facce e volti che mi fissavano, è stato come guardare attraverso una bolla temporale”. Da allora, con l’aiuto dei vicini, il signor Catherall ha cercato di ricostruire la vita del signor Thomas.

“Questi scatti non appartengono a me, spero di rintracciare la famiglia”

Alcuni scatti mostrano un ufficio postale di famiglia probabilmente a Dolwyddelan in Galles, altre mostrano persone sulla spiaggia di Formby o Blackpool e una mostra la famiglia nel vicolo dietro la casad di Catherall; ma la storia della famiglia è rimasta “molto misteriosa”. “Qualunque cosa sia successa tra lui e la sua famiglia, queste foto dimostrano che li amava e li teneva stretti a sè. Questi scatti non appartengono a me ma ai suoi parenti, che spero di rintracciare”.