Fermano un uomo per il furto di monetine: scoprono che possiede un pericoloso arsenale

furto di monetine

Stava cercando di rubare pochi spiccioli ma si è ritrovato con un incriminazione per un reato ben più grave. La scoperta dei carabinieri a Reggello

Lo hanno fermato in flagranza di reato mentre, da una cassa del fontanello pubblico, cercava di sottrarre e portare via una piccola quantità di monetine; ma quando hanno perquisito il suo veicolo hanno rivenuto ben altro. La vicenda arriva dalla Toscana e riguarda un 66enne di San Giovanni Valdarno che è riuscito a forzare la cassetta degli spiccioli di uno degli erogatori di acqua di alta qualità, ubicato a Cascia. Sono stati alcuni cittadini che lo hanno notato portare via il denaro ad allertare le forze dell’ordine intervenute una manciata di minuti dopo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Reggello che, grazie ai testimoni, hanno facilmente individuato il veicolo che il 66enne stava utilizzando per spostarsi e lo hanno fermato.

LEGGI ANCHE =>> Padre disperato in cerca della collana contenente le ceneri della figlia dopo il furto del camion

Arrestato per detenzione illegale di armi e denunciato per furto aggravato

L’uomo aveva percorso solo pochi chilometri e stava probabilmente cercando di raggiungere un altro fontanello per compiere la medesima operazione criminale. I militari hanno dunque perquisito la sua auto trovando in pochi minuti le monete che poco prima aveva rubato ma non solo: nel veicolo c’era un verso e proprio arsenale composto da vari arnesi da scasso, compreso un piede di porco, ed un fucile monocanna calibro 24 senza matricola, oltre a diverse munizioni. Dalla perquisizione al veicolo si è dunque passati a quella nell’abitazione dove è stata rinvenuta la seconda parte dell’arsenale, ovvero un altro fucile con altre munizioni. Le armi, come si è appreso da opportune verifiche, erano state rubate e tutto è stato sequestrato dalle forze dell’ordine, che hanno inoltre accertato che il 66enne non solo fosse privo di licenza ma non potesse detenere, su disposizione della Procura di Arezzo, alcuna arma o munizione. E così un furto di pochi spiccioli è costato all’uomo l’arresto per detenzione illegale di armi e la denuncia in stato di libertà per il reato di furto aggravato.