Centinaia di cani contagiati da una misteriosa malattia dopo una passeggiata sulla spiaggia

150 cani colpiti

C’è una certa preoccupazione tra i proprietari di cani, dopo che 150 animali si sono ammalati in seguito ad un una passeggiata lungo la costa nord orientale dello Yorkshire, Regno Unito

Un’infermiera veterinaria che gestisce la Yorkshire Coast Pet Care ha affermato di aver ricevuto negli ultimi giorni decine di cani malati che vomitavano e soffrivano di diarrea, e che indagando in merito alla possibile origine della malattia, ha scoperto che tutti avevano fatto, con i loro proprietari, delle passeggiate lungo le spiagge della costa nord orientale. La misteriosa vicenda arriva dal Regno Unito: Brogan Proud, questo il nome della veterinaria, ha dunque consigliato ai padroni di non portare a spasso, per il momento, i loro animali domestici sulle spiagge interessate dopo aver contato ben 150 cani ammalati, probabilmente a causa di un non identificato insetto. Ha aggiunto che le autorità locali stanno indagando su cosa possa esserci dietro la malattia e che se inizialmente pensava che solo pochi cani fossero stati colpiti, in seguito è stata letteralmente inondata di telefonate da parte di padroni preoccupati che le spiegavano quali fossero i sintomi del loro animale a quattro zampe.

LEGGI ANCHE =>> Il dramma della natura: 63 pinguini africani in via di estinzione uccisi da uno sciame di api

“Consiglio ai proprietari di cani di rimanere lontani dalle spiagge per il momento”

“Sembra che siano numeri molto più alti di quanto pensassi – ha affermato a Yorkshire Live – so che le autorità locali hanno effettuati alcuni test ma per il momento non sono riusciti a risalire alla causa della malattia”. “Stanno comunque cercando di andare fino in fondo ma al momento non hanno nulla da comunicarmi su cosa stia succedendo”. Alcune persone hanno suggerito che la malattia potrebbe essere stata causata da un virus o da una pianta, estremamente tossica, conosciuta come cicuta d’acqua. Ma la Produ ha affermato: “Molte persone mi hanno inviato le loro teorie ma non ci sono prove o fatti a sostegno di esse. Quindi al momento non c’è nulla che sembra causarlo. L’unico motivo per cui so che sta accadendo è perché lo vedo in prima persona”. Per il momento consiglia ai proprietari di animali di stare lontano dalle spiagge fino a quando le autorità locali non avranno concluso le indagini. “Ovviamente è una scelta personale e le persone possono fare quello che vogliono, ma non porterò il mio cane in spiaggia“, ha detto. Si consiglia inoltre ai proprietari di animali di contattare le autorità locali e di rivolgersi al veterinario se il loro cane iniziasse a mostrare sintomi.