La piaga dei coleotteri, sono milioni: strade e giardini ricoperti, crollano i tetti delle case

sono milioni

L’ondata di caldo che ha colpito vaste zone dell’Argentina ha provocato una vera e propria invasione di coleotteri: milioni di insetti sono usciti tutti insieme a Santa Isabel, ricoprendo le strade

Svegliarsi e ritrovarsi le strade, i giardini e qualsiasi spazio pubblico completamente ricoperto di milioni di insetti. Accade nella località di Santa Isabel, in Argentina, come conseguenza dell’ondata di caldo che ha interessato questa zona del paese provocando un’invasione senza precedenti di cascarudi. Qui, siamo nella Pampa Argentina, i cittadini non avevano mai visto prima d’ora niente di simile: vi sono strade completamente impraticabili ma non solo perchè i cascarudi, la specie di coleottero che ha invaso la città dopo essere uscita dal suolo, sta addirittura distruggendo i tetti delle case e volando ovunque, senza direzione, per scontrarsi contro tutto ciò che incontrano.

LEGGI ANCHE =>> Trovate migliaia di stelle marine morte sulle spiagge inglesi: Non ho mai visto niente di simile

“Mai visto niente di simile, è impressionante”

“La quantità che c’è è impressionante. In alcuni casi, i tetti degli edifici sono stati danneggiati. In questura hanno alzato la membrana e in un locale commerciale il soffitto. Alla stazione di servizio hanno coperto gli scarichi“, ha dichiarato il capo del dipartimento di Santa Isabel, Omar Sabaidini al quotidiano El Uncover. I coleotteri hanno anche coperto le fognature, reso inaccessibili parchi e giardini e in taluni casi entrando persino nelle case. La ‘piaga dei cascarudi’ è cosa nota in questo territorio ma non a questi livelli, e la loro presenza massiva è testimoniata dalle decine di immagini e video riversati sui social dai residenti preoccupati e anche spaventati. In quantità ridotte si tratta di insetti innocui ma estremamente fastidiosi, oltre al fatto che emanano cattivo odore; quando invece sono così tanti possono causare danni concreti. Vengono attratti dalla luce, e questo li spinge ad uscire dal sottosuolo con ancora maggiore intensità: per tale motivomolti residenti o comuni hanno spento l’illuminazione allo scopo di arginare il problema.