Disastrose nevicate paralizzano la Turchia: decine di animali muoiono ‘ibernati’

morti per il geloSi stanno letteralmente congelando a causa del freddo estremo, decine di animali nella zona di Gaziantep in Turchia, funestata da impressionanti nevicate che hanno anche paralizzato le autostrade

Nei giorni scorsi la Turchia si è colorata di rosso in seguito alla potentissima esplosione di uno degli oleodotti più importanti del Paese, ma in realtà lo stato è più bianco che mai e a farne le spese sono soprattutto gli animali. Imponenti nevicate stanno infatti interessando vaste zone ed in particolare Gaziantep, dove le persone sono in diversi casi rimaste bloccate nelle auto circondate da metri di neve, senza cibo nè acqua. La nevicata è talmente devastante e le temperature così basse che numerosi animali si sono letteralmente congelati, nel vero senso della parola, e lo testimoniano diverse immagini e video realizzati da alcuni residenti. E così se da un lato vi sono migliaia di veicoli, auto o camion, imprigionati sulle autostrade dove si è arrivati a dover aspettare anche 15 o 20 ore prima dell’arrivo dei soccorsi, dall’altro vi sono decine di animali ‘ibernati’. Il freddo è talmente intenso che non riescono a trovare ripari sufficientemente caldi e finiscono per perdere la vita diventando letteralmente di ghiaccio, uno scenario a dir poco spettrale e sconvolgente che preoccupa gli esperti della fauna locale.

LEGGI ANCHE =>> Neonato trovato morto fuori dalla caserma dei vigili del fuoco: scoperto mentre spalavano la neve

Decine di automobilisti bloccati in autostrada si sono incamminati al gelo

Per quanto riguarda le persone, la situazione è ugualmente problematica: si sono registrati anche alcuni incidenti come il crollo di un tetto che ha danneggiato varie auto, tamponamenti tra veicoli e centinaia di persone che, avendo finito le scorte di cibo o di benzina per riscaldarsi nelle auto ferme in strada, hanno lasciato i veicoli iniziando ad incamminarsi nella speranza di trovare un riparo ma rischiando così la morte per congerlamento. Una situazione, insomma, estremamente difficile. A questo si sommano le immagini di animali, come cani accoccolati a terra come se fossero vivi, ma in realtà completamente ghiacciati, volpi, cervi e non solo.