Rapper entrano in un capannone abbandonato per girare un videoclip e trovano un cadavere

cadavere di un uomo

Sono entrati in un capannone che da molti anni giace in stato di abbandono, con l’intento di girare un videoclip ma all’interno hanno fatto una scoperta agghiacciante

Scoperta da incubo per alcuni rapper che, nella tarda mattinata del 21 gennaio, si sono recati all’interno di un capannone, un’ex fabbrica, da molti anni completamente abbandonato allo scopo di girare un video musicale. I tre ragazzi si sono infatti trovati davanti il cadavere di una persona e hanno subito lanciato l’allarme. Secondo la ricostruzione dei fatti il trio aveva raggiunto l’edificio dismesso ubicato alla periferia del comune di Cerro Maggiore e a poca distanza dall’autostrada Milano-Varese e hanno iniziato le riprese per il loro videoclip. Intorno a mezzogiorno però hanno notato il corpo che, come successivamente accertato dai militari dell’Arma durante un primo esame, risulta essere completamente ustionato. Certamente i giovani non potevano immaginare che la loro mattinata avrebbe preso una piega simile.

LEGGI ANCHE =>> Turista precipita dal sesto piano di un albergo di Ostuni e muore: indagini avviate, è mistero

Avviate le indagini: tutte le ipotesi prese in esame

Il Nucleo investigativo del Comando provinciale dei carabinieri di Milano hanno immediatamente avviato le indagini che, al momento, sono orientate a 360 gradi dal momento che non si è ancora riusciti a risalire, anche a causa dello stato del corpo, nè alla sua identità nè alla data del decesso e, ovviamente, nemmeno alle cause della morte. Potrebbe essersi trattato di un suicidio o di un incidente, ma non si esclude neanche l’ipotesi dell’omicidio. L’area del ritrovamento è in stato di abbandono da anni, usata solo da persone senza fissa dimore in cerca di un riparo. Gli investigatori dovranno districarsi tra i pochi indizi e cercare di chiarire meglio la dinamica dei fatti.