Portano il cadavere di un uomo in posta: volevano riscuotere le sua pensione

non ancora arrestati

Sembra la scena di un film horror ma è successo davvero in Irlanda: due truffatori hanno portato nell’ufficio postale il corpo di un 66enne per chiedere che venisse versata loro la sua pensione

Lo hanno cammuffato mettendogli in testa un cappello e coprendo buona parte del viso con un maglione a collo alto e poi lo hanno ‘trascinato’ in un ufficio postale. L’assurda scena che ha lasciato attoniti i dipendenti è avvenuta nella contea di Carlow, in Irlanda, dove due truffatori hanno letteralmente portato un cadavere in posta allo scopo di ritirare la sua pensione. La loro speranza era quella di passare inosservati, riuscendo così a farsi consegnare il denaro spettante mensilmente all’uomo, finchè in vita; uno stratagemma che ricorda il film “Week end con il morto” e certamente ascrivibile alla finzione piuttosto che alla realtà. Ma, come riportato dal Daily Mail, i due ci hanno tentato davvero, suscitando preoccupazione nel personale dell’ufficio postale.

LEGGI ANCHE =>> Rapper entrano in un capannone abbandonato per girare un videoclip e trovano un cadavere

Il personale delle poste si è subito insospettito

Il cadavere è stato infatti tenuti volutamente in disparte, per fingere che fosse vivo e vegeto, ma il personale ha chiesto loro come si sentisse notando che qualcosa non andava. A quel punto, messi alle strette, la coppia di truffatori ha steso a terra il corpo davanti allo sportello delle poste dicendo loro che l’uomo aveva avuto un infarto, quando in realtà era deceduto da almeno un paio di giorni. E hanno poi atteso l’arrivo di polizia e sanitari: la vittima è il 66enne Peadar Doyle e non ci è voluto molto prima che gli agenti scoprissero che non si era sentito male nell’ufficio postale ma che era deceduto molte ore prima. Secondo quanto riportato dai media, i due avrebbero detto alla polizia che Doyle era vivo al loro arrivo nell’ufficio postale ma solo un’autopsia disposta con urgenza potrà confermare o smentire le loro parole. Nell’attesa di avere un quadro dei fatti il più chiaro possibile i due sono stati interrogati ma non ancora arrestati.